Sabato 3 Dicembre

Neymar nei guai, la magistratura brasiliana lo accusa di frode fiscale

Sequestrati al talento brasiliano, precauzionalmente, beni per un valore di 42 milioni di euro. La frode risalirebbe al 2013

La magistratura del Brasile ha ordinato di congelare beni a Neymar, fuoriclasse del Barcellona e della nazionale verdeoro accusato di frode fiscale, per un valore di 188,8 milioni di real (42 milioni di euro). Si tratta di un provvedimento precauzionale, con il calciatore 23enne che è sospettato di frode al fisco tra 2011 e il 2013, all’epoca in cui giocava nel Santos, la squadra che lo ha lanciato, prima del suo trasferimento a peso d’oro in Spagna al Barcellona. Guai in vista per il gioiello blaugrana che dovrà rispondere alle autorità brasiliane riguardo l’accusa avanzatagli, la stessa che ha colpito qualche anno fa l’altro fuoriclasse dei catalani, Leo Messi.