Giovedi 8 Dicembre

Moses Malone è “rimbalzato” altrove

L’Nba piange Moses Malone, ex stella dei Philadelphia 76ers

Moses Malone era della vecchia guardia. Faceva parte di quella “old school” che nel gioco del basket ha creato i presupposti perché lo sport della palla a spicchi diventasse quello spettacolo che oggi è. Moses aveva un corpo particolare: alto, quasi allampanato, la testa piccola rispetto al corpo, le braccia infinitamente lunghe. Non a caso le sue mani hanno conquistato in carriera la bellezza di 16.212 rimbalzi. Moses Malone ha giocato nella ABA e nella NBA pre-show-time, quando in campo scendeva gente del calibro di Julius Erving. Malone ebbe la fortuna di giocarci assieme, a Doctor J, in quei Philadelphia 76ers che ancora oggi fanno venire gli occhi lucidi di gioia a chi ama la pallacanestro. E con Doctor J. e i 76ers Malone vinse pure il titolo NBA. Nel 1983. Adesso Malone non c’è più. È “rimbalzato” altrove. In suo onore, oggi, ascolteremo “Never can say goodbye”, nella versione di Isaac Hayes, dal suo disco Black Moses.