Venerdi 9 Dicembre

Mascherano imita Messi, frodato il Fisco

LaPresse/EFE

Il centrocampista argentino non ha dichiarato entrate per 1,5 milioni di euro riferite ai ricavi dei diritti d’immagine. Prima di lui ci era passato Lionel Messi

Il calciatore argentino del Barcellona, Javier Mascherano, ha frodato il Fisco spagnolo di 1,5 milioni di euro, come ha svelato il quotidiano ‘El Pais’.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Il giornale spagnolo, citando fonti investigative, ha detto che “l’accusa ha presentato una denuncia per due reati fiscali contro il giocatore del Barcellona, ​​che ha già saldato la somma richiesta, aggiungendo 200mila euro di interessi ma dovrà comunque comparire in tribunale“. Il centrocampista argentino non ha dichiarato entrate per 1,5 milioni, riferite ai ricavi dei diritti di immagine negli anni 2011 e 2012, non pagando l’importo complessivo relativo allo sfruttamento commerciale. “L’indagine ha rivelato che la frode è avvenuta attraverso due strutture societarie – a Madeira e Miami- che il giocatore aveva creato durante la sua permanenza al Liverpool e sono rimaste dopo il suo arrivo a Barcellona. La quota frodato ammonta a 587,822 euro nel 2011 e 968,907 euro nel 2012“, ha spiegato ‘El Pais’.

LaPresse/Efe

LaPresse/Efe

Secondo i media spagnoli “il caso ha delle somiglianze con quello di Leo Messi“, accusato di aver truffato 4,1 milioni di euro sempre per i diritti di immagine. Mascherano non ha discusso i risultati della Agenzia delle Entrate spagnola e ha scelto di pagare consigliato dai suoi avvocati.