Domenica 4 Dicembre

Le tre B di Silvio Berlusconi: tre problemi o tre soluzioni?

Fabio Cimaglia / LaPresse

Silvio Berlusconi ed il suo Milan da rifondare, dalla questione stadio, passando per Mr Bee e infine l’enigma Balotelli. Il destino della squadra rossonera legato a tre B

B come Benito Benedini: il presidente di Fondazione Fiera ha dato ordine ieri ai suoi avvocati di prendere in mano la pratica Stadio Milan per trovare un’intesa soddisfacente sull’indennizzo che il Milan dovrà versare dopo il dietrofront improvviso effettuato dalla società rossonera a proposito dello Stadio al Portello. La cifra, al momento, parrebbe aggirarsi intorno ai 10 milioni di euro. Cifra che potrebbe salire ulteriormente se l’ente Fondazione Fiera fosse costretto alla causa legale. B come Bee Taechaubol: l’enigmatico orientale dovrebbe arrivare oggi a Milano. Il condizionale, ormai, parlando di questa figura, è d’obbligo. Il suo viaggio in Italia sarebbe dovuto a un’ulteriore richiesta di slittamento della chiusura dell’accordo. La domanda è: mister Bee ha davvero in tasca i 480 milioni necessari a diventare socio di Casa Milan? Sembrano davvero lontani i tempi in cui Silvio affermava con certezza che “ la firma con Bee è solo una formalità”. B come Balotelli: Mario è cresciuto ed è diventato educato e rispettoso. Ma c’è un Ma. Quando gioca Mario, compaiono sul campo problemi che già si conoscevano (vedi El Shaarawy). SuperMario in campo limita il gioco e l’apporto dei suoi compagni di reparto. Così il duo Bacca – Luiz Adriano, che vedeva due punte complementari ed esplosive se schierate in coppia, con l’arrivo di Balotelli risultano spesso inefficaci e con le polveri bagnate. Tre B. I 3 problemi di Silvio B.