Domenica 11 Dicembre

Le idee indipendentiste (e contraddittorie) di Gerard Piqué: Nazionale sì-Nazionale no?

LaPresse/EFE

Gerard Piqué con la Nazionale spagnola ha collezionato tante presenze, ma le sue idee politiche sull’indipendenza della Catalogna e dei catalani non collimano con gli ideali della Spagna di cui indossa la maglia

Sfugge. Appare incomprensibile. Sembrerebbe un paradosso. Potrebbe rappresentare un ossimoro. Eppure esiste. Eppure è così. Eppure è tutto vero. Valli un po’ a capire ‘sti spagnoli, alle volte. Prendi Piquè: giocatore del Barcellona, catalano superconvinto, favorevole al referendum sull’indipendenza della Catalogna, anti-madridista riconosciuto, blaugrana nel sangue. Ecco, viene da chiedersi: perché Piquè, giocatore e uomo così carico di valori indipendentisti, vuole poi giocare e gioca nella Nazionale spagnola? 71 presenze stasera con la maglia della “Roja”, dove comanda un allenatore che ha fatto la storia del Real Madrid e dove lo spogliatoio non è certamente totalmente di corrente indipendentista. In Spagna Piquè viene ormai fischiato ogni volta che gioca con la Nazionale. Non fatichiamo a crederlo. Quello che fatichiamo a credere è la sua sincera ostinazione a voler giocare con la maglia di una Nazione che non riconosce quello che la Catalogna e i catalani sognano. Non sarebbe forse meglio per tutti se Piquè si facesse da parte, come logica vorrebbe?