Lunedi 5 Dicembre

Lazio: è flop negli abbonamenti

LaPresse/Cafaro Gerardo

Crollo in casa Lazio: i tifosi scappano

Sembrava uno scenario irrealizzabile fino a poco tempo fa: la Lazio alla fine dello scorso campionato chiudeva al terzo posto, si guadagnava i preliminari di Champions League, i tifosi esultavano e sostenevano Lotito, presidente tante volte invitato a cambiare aria, aspettandosi un mercato estivo da “grande”. E invece dopo neppure 6 mesi la Lazio deve fare i conti con fallimenti seriali: accesso alla Champions fallita, mercato nullo e inizio di campionato shock e, come se non bastasse, ora arrivano i dati riguardo la campagna abbonamenti, mai così scarsa.

Il costo degli abbonamenti rivisto al rialzo, decisione giustificata per i traguardi raggiunti e per mettersi in linea con i costi proposti dalle altre squadre di pari livello: i tifosi però non ci stanno e quando mancano pochi giorni alla chiusura della campagna la quota è ferma a 12.300, meno 5 mila tessere rispetto all’anno passato, con una consapevolezza che fa tremare, perché questo attuale è il peggior dato dalla stagione 2004/2005, il peggiore dell’era Lotito.

LaPresse/Marco Rosi

LaPresse/Marco Rosi

Il presidente dopo la risalita dell’ultimo biennio non ha saputo fidelizzare il suo tifo casalingo, avrà sbagliato alcune scelte, avrà preso provvedimento ingiusti per i tifosi ma corretti per le casse della società, questo non è dato saperlo: ciò che è certo è che i tifosi sono scappati dall’Olimpico.