Venerdi 2 Dicembre

Italia, che orgoglio: adesso sai davvero chi sei e vogliamo vederti sempre più in alto

Un’Italia sempre più consapevole di sè quella in campo agli Eurobasket 2015, un’Italia che a voglia di volare alto

Danilo Gallinari, Pietro Aradori, Alessandro Gentile, Marco Belinelli, Andrea Bargnani, Marco Cusin, Gigi Datome, Amedeo Della Valle, Andrea Cinciarini, Daniel Hacket, Achille Polonara e Nicolò Melli. Sono loro i leoni italiani, gli azzurri che regalano emozioni immense. Sono loro, con le loro casacche azzurre (o bianche) a tenere incollati alle tv, ai computer, ai tablet e ai cellulari tutti gli appassionati di basket e di sport in generale. Sudano e fanno sudare, urlano e fanno urlare, esultano e fanno esultare grazie alle loro giocate, alle loro triple “salva partita”, ai loro rimbalzi fondamentali nei momenti più critici e alla loro infinita voglia di vincere. Sono dei lottatori, degli eroi, che mettono il cuore in tutto ciò che fanno.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

I nostri leoni disputeranno oggi l’ultima partita della prima fase a gironi degli Eurobasket 2015, quella contro la Serbia, che decreterà la prima classificata. Gli azzurri ci credono, ci hanno creduto fin dal primo giorno, ci credono talmente tanto che dopo la brutta notizia dell’infortunio del capitano Gigi Datome si sono rimboccati le maniche e hanno dimostrato che nei momenti di difficoltà bisogna reagire: sono scesi in campo con il fuoco negli occhi e hanno divorato i loro avversari. Non sono perfetti, ma li amiamo proprio per questo, in fondo la perfezione non piace a nessuno. Adesso la favola continua, a loro il compito di lottare ancora, come hanno fatto finora, per arrivare in alto, lì dove tutti sogniamo di arrivare, sul tetto d’Europa. Tutti vogliamo cantare, saltare dalla gioia, scendere in piazza a festeggiare i nostri ragazzi. E poi, diciamocela tutta: siamo bramosi di vedere il sorriso di Marco Belinelli.