Giovedi 8 Dicembre

Il Celtic chiede maggiore igiene personale ai propri tifosi: “lavatevi prima di andare allo stadio”

LaPresse/Daniele Badolato

La squadra scozzese ha invitato i propri abbonati ad avere più cura della propria igiene scrivendo una lettera ufficiale: “i cattivi odori incidono sull’esperienza di assistere ad un match”.

“Gioca il Celtic, non dimenticate sciarpa, cappellino e…bagnoschiuma”. Si avete capito bene, da oggi in poi non si potrà più entrare al Celtic Park a meno che prima i tifosi non abbiano fatto una capatina in doccia per levare via i cattivi odori del proprio corpo.

 LaPresse/Daniele Badolato

LaPresse/Daniele Badolato

Questo è ciò a cui allude il curioso e probabilmente senza precedenti comunicato ufficiale che il Celtic ha rivolto ai propri sostenitori: il club scozzese ha infatti invitato i propri abbonati ad avere più cura della propria igiene, dopo aver ricevuto qualche lamentela a riguardo. Il dipendente del club che si occupa dei rapporti con i tifosi, John Paul Taylor, ha infatti scritto una lettera alla tifoseria, nella quale spiega come i bassi livelli di igiene personale incidano sull’esperienza di assistere ad una partita. L’iniziativa è partita in seguito alla segnalazione di qualche tifoso che lamentava cattivi odori negli spalti durante le partite casalinghe. La lettera invita a cantare, urlare e sostenere la squadra, ma in sostanza chiede ai tifosi anche di lavarsi prima di andare allo stadio. Lo stesso club ha negato il tutto, ma Taylor ha documentato la cosa in un tweet prima di cancellarlo. Sciarpa, cappellino e… bagnoschiuma, dicevamo, adesso si che si può sostenere il Celtic allo stadio.