Martedi 6 Dicembre

FIA: Jean Todt lancia un appello per limitare le stragi sulle strade

LaPresse

Il presidente della FIA e Inviato Speciale per la sicurezza stradale dell’ONU ha pubblicato un lungo editoriale su L’Huffington Post per sensibilizzare il mondo sull’epidemia di morti sulla strada

Jean Todt, presidente della FIA e Inviato Speciale per la sicurezza stradale delle Nazioni Unite ha scritto un toccante editoriale per lanciare un sentito appello all’intero comparto automobilistico con lo scopo di sensibilizzare i soggetti interessati alla terribile piaga degli incidenti mortali sulle strade.PADOVA 16 GIUGNO 2009 - INCIDENTE MORTALE SACCOLONGO VIA PELOSA

Secondo i dati snocciolati dal manager francese “Ogni anno nel mondo, quasi 1,3 milioni di persone muoiono sulle strade. Secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità, la mancanza di sicurezza sulle strade è attualmente l’ottava causa di mortalità nel mondo e la prima tra i giovani dai 15 ai 29 anni – Todt si è inoltre soffermato su dati ancora più allarmanti – Oltre 186 000 bambini nel mondo perdono ogni anno la vita in incidenti stradali, ossia più di 500 ogni giorno e uno ogni tre minuti. Nella stragrande maggioranza dei casi, a queste morti tragiche che, nel nostro desiderio di accesso alla mobilità, a volte chiamiamo “perdite accettabili”, non verrà dedicato più di un trafiletto nella cronaca locale. Ebbene io sono determinato a far fronte a questa triste situazione, assieme a tante altre nel mondo”.

Secondo Todt, bisognerebbe creare un meccanismo di finanziamento simile a quello utilizzato dall’UNITAID e sul contributo derivato dai biglietti aerei. Questo sistema dovrebbe giovare di un piccolo contributo derivato dalle vendite del settore automotive, generando così un fondo capace di finanziare a livello globale progetti relativi alla sicurezza stradale.