Lunedi 5 Dicembre

F1, la Mercedes dopo i problemi di Monza e Singapore ostenta tranquillità

LaPresse

Dai piloti al team principal, in casa Mercedes nessuno sembra essere preoccupato per i problemi al motore vissuti a Monza e Singapore

Sarà perché il vantaggio nella classifica generale è veramente importante. Sarà perché il campionato ha vissuto gran parte della sua stagione. Sarà perché due gare non possono creare allarmismi: sta di fatto che in casa Mercedes, dopo i problemi al motore a Monza vissuti da Nico Rosberg e a Singapore dal leader Lewis Hamilton, si ostenta tranquillità e si professa una serenità che non può essere solo frutto di dichiarazioni di facciata.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

La Mercedes è a detta di tutti la macchina migliore di quest’ultimo biennio e tale sicurezza traspare nelle parole del team principal Toto Wolff, che non parla di problemi ma vuole andare al fondo della questione: “Il punto non è se Singapore sia stato solo un episodio o meno, non dobbiamo dare per certa la nostra leadership” – cui fanno eco le parole del direttore tecnico Paddy Lowe – “Abbiamo molti parametri da verificare per esser certi di arrivare al prossimo appuntamento preparati”. Fiducia in se stessi e nei propri mezzi, condivisa peraltro anche dai piloti.

Singapore è stato un weekend strano ma mi sento comunque tranquillo, al momento abbiamo fatto una stagione incredibile. Sono in F1 da abbastanza tempo per sapere che non si può vincere tutto, ora si tratta di lasciarci alle spalle questo Gp e guardare avanti” – ha sentenziato Lewis Hamilton con Nico Rosberg che ha così rilanciato – “so che tutti stanno lavorando duro per capire cosa è accaduto. Di buono c’è che già nel prossimo weekend possiamo porre rimedio a tutto questo”. 

Non c’è che dire: tranquilli loro, tranquilli tutti. Ma in fondo sotto sotto la Ferrari di Singapore ha fatto paura. Ah, si fosse svegliata prima la Rossa …