Martedi 6 Dicembre

F1, Arrivabene: “spero non serva il binocolo per vedere le Mercedes”

LaPresse/Photo4

Le dichiarazioni di Maurizio Arrivabene dopo la sessione odierna di libere al Gran Premio di Monza

Spero che il grande cuore dei nostri tifosi qua a Monza possa valere come un gettone supplementare per i nostri motori“: il team principal della Ferrari Maurizio Arrivabene si affida anche alla spinta del pubblico in vista del Gp di casa, pur ammettendo che non sara’ una gara facile. “Spero non mi serva il binocolo per vedere le Mercedes – ha sorriso parlando degli obiettivi alla luce delle prime due prove libere del Gp d’Italia -. Il nostro passo non era male, stiamo facendo del nostro meglio. Ma la Mercedes ancora lontana da noi“.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Arrivabene ha anche parlato di un “nuovo Raikkonen” che, piu’ espansivo del solito, ieri alla Villa Reale di Monza non si e’ sottratto al bagno di folla. “Con Kimi ho parlato molto, gli ho detto che forse piace proprio perche’ e’ freddo, ma che quando incontra i tifosi deve firmare autografi, magari sorridendo e muovendo la testa. Quando l’ho visto pensato che quello non poteva essere Kimi. Sta diventando un bravo ragazzo, oppure – ha scherzato il team principal della Rossa incrociando le dita – significa che domani e domenica piovera’“. Infine sulla situazione del Gran Premio di Monza dice: “Il Gp d’Italia e’ Monza, che rappresenta l’essenza della Formula1 assieme a Spa, Silverstone Hockenheim e Monaco. E dobbiamo salvaguardare l’essenza“. Non ha dubbi il team principal della Ferrari Maurizio Arrivabene, esplicitando “una mia personale opinione, che penso sia anche nostra, della Ferrari“. “Che ruolo avra’ la Ferrari nella trattativa? Giocare un ruolo e’ una parola grossa . Negoziare con Bernie non è compito nostro“, ha replicato in conferenza stampa dopo la seconda sessione di prove libere. “Non ho nulla contro gli altri Gp, perche’ questo e’ uno show internazionale – ha concluso – ma il Gp d’Italia e’ Monza, e dobbiamo conservare l’essenza della Formula 1“.