Sabato 3 Dicembre

Euro 2016, festa grande in Islanda per la qualificazione

Reuters/Lapresse

Un traguardo storico per la Nazione che vanta poco più di 300 mila abitanti. Euforico il capitano Gunnarson: “siamo la prima squadra islandese a qualificarsi per una fase finale, è un sogno”

Festa grande in Islanda per la storica qualificazione a Euro 2016. “Arrivederci in Francia!” il tweet della federazione islandese che nella notte ha salutato lo storico traguardo raggiunto.

Reuters/Lapresse

Reuters/Lapresse

Il capitano Gunnarson ha raccontato il suo stato d’animo: “sono choccato. Abbiamo lavorato duramente per arrivare a questo punto, siamo la prima squadra islandese a qualificarsi per una fase finale: quando ho cominciato a giocare a pallone, non avrei mai sognato che una cosa del genere potesse accadere“. Un successo che nasce dalla lotta all’alcol ed al tabagismo, vere piaghe sociali dell’isola all’inizio del 2000. Il governo investì sullo sport e nel giro di pochi anni si è passato da uno a tredici campi di calcio senza contare sintetito e calcetto, costruiti in un paese che vanta poco più di 300mila abitanti. Anche gli allenatori sono sorretti economicamente dallo Stato e dopo il crack del 2008 in molti si sono riciclati proprio nello sport. Il merito di questa qualificazione il giornale islandese Frettabladid l’ha attribuito al tecnico svedese Lagerback, titolando a caratteri cubitali “Grazie Lars“.