Sabato 10 Dicembre

Boxe, il pugile Amir Khan interviene a favore dei rifugiati siriani

LaPresse/PA

Sconvolto alla vista della foto del bimbo siriano disteso su una spiaggia senza vita, il pugile invia un convoglio pieno di beni di prima necessità ai rifugiati siriani in Grecia

Il campione del Mondo di boxe Amir Khan si è unito ai tanti sportivi che in queste ore hanno deciso di intervenire a favore dei rifugiati.
LaPresse/PA

LaPresse/PA

Il 28enne pugile inglese ha detto di essere rimasto scioccato dalla ormai celebre foto del corpo del bambino Aylan Kurdi disteso su una spiaggia dopo essere scappato dal suo paese. Khan ha quindi deciso di organizzare personalmente un convoglio per portare beni di prima necessità da distribuire ai rifugiati siriani in Grecia. L’iniziativa, in collaborazione con l’associazione Penny Appeal e la Amir Khan Foundation, partirà dalla sua Accademy di boxe a Bolton, Greater Manchester, per arrivare dopo oltre 3.219 km ad Atene.