Sabato 10 Dicembre

Atletica, torna la Diamond League: giovedì a Zurigo gli azzurri cercano il riscatto

Lapresse / Actionpress

Gli italiani dell’atletica tornano a gareggiare a pochi giorni dai Mondiali di Pechino nella Diamond League Iaaf di Zurigo

A poche ore dalla conclusione dei campionati del mondo di Pechino, torna l’appuntamento con la Diamond League Iaaf, attesa dallo svolgimento delle due finali del circuito. La prima, quella del Weltklasse di Zurigo, è in programma giovedì sera, e vedrà la partecipazione di atleti azzurri in due delle gare della serata: l’alto maschile, al quale è iscritto il primatista italiano Gianmarco Tamberi, e la staffetta 4×100 donne, che vedrà la squadra nazionale correre con la stessa formazione -Giulia Riva, Irene Siragusa, Anna Bongiorni, Gloria Hooper- che a Pechino ha colto la seconda prestazione italiana di tutti i tempi in 43″22. Con le italiane, i quartetti di Giamaica, Stati Uniti, Germania, Trinidad, Svizzera, Canada e Norvegia). Obiettivo delle ragazze, collezionare un altro tempo di rilievo, utile in prospettiva della qualificazione ai Giochi Olimpici di Rio 2016 (il meccanismo di selezione prenderà in considerazione la somma dei due migliori tempi ottenuti dal primo gennaio 2015 al 12 luglio 2016).

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Tamberi affronterà il neocampione del mondo, il canadese Derek Drouin, e tutti i migliori della finale iridata di domenica scorsa, a cominciare dai medagliati l’ucraino Bondarenko e il cinese Zhang (Cina), e proseguendo poi, tra gli altri, con il qatariota Barshim e il russo Tsyplakov. Una sorta di replay mondiale, in quello che è un po’ il leit motiv di tutta la serata zurighese. In particolare, c’è attesa per i 400 metri maschili, nei quali si sfideranno i magnifici tre di Pechino. Il sudafricano Van Niekerk, lo statunitense LaShawn Merrit e il grenadino Kirani James (con loro anche i top finishers Luguelin Santos e Isaac Makwala). Altra gara di livello eccelso sarà con ogni probabilità quella dei 3000 siepi, dove la superstar Ezekiel Kemboi (al via con altri otto connazionali keniani) affronterà la voglia di riscatto dello statunitense Evan Jager, grande sconfitto ai Mondiali.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Confronto in campo neutro (la distanza dei 3000 metri piani) per le due regine del mezzofondo mondiale, le etiopi Almaz Ayana (iridata nei 5000) e Genzebe Dibaba (oro nei 1500). Allineate anche le migliori astiste, a cominciare dall’oro mondiale la cubana Silva, che ritroverà la basiliana Murer (argento al Bird’s Nest), la greca Kirikopoulou (bronzo iridato), e alcune deluse, con in prima fila la tedesca Spiegelburg. Curiosamente, nello sprint non ci saranno i due uomini che hanno acceso, con il loro triplo confronto in pista , solo pochi giorni fa, l’interesse dell’intero pianeta: Usain Bolt e Justin Gatlin, attesi da un confronto a distanza a Bruxelles otto giorni dopo (il giamaicano correrà i 200, lo statunitense i 100), venerdì undici settembre.