Giovedi 19 Gennaio

Atletica: più della metà dei medici e preparatori squalificati per doping sono italiani

Tanti i medici e i preparatori del mondo dell’atletica squalificati per  aver incoraggiato gli atleti ad assumere sostanze stupefacenti, più della metà sono italiani

Oltre la metà dei 114 fra medici e preparatori squalificati e’ italiana. La Wada ha pubblicato la lista delle persone a cui è stato vietato di collaborare con gli atleti secondo la nuova norma dell’associazione proibita. Si tratta per lo più di medici e preparatori e nell’elenco compaiono 61 italiani, fra cui Michele Ferrari e Carlo Santuccione. “Siamo sempre piu’ convinti che gli atleti non si dopano da soli e che spesso sono i membri del loro entourage a incoraggiarli a doparsi – ha spiegato il presidente della Wada, Craig Reedie – La nuova regola dell”associazione proibita manda un chiaro messaggio agli atleti: non unitevi a individui che hanno infranto le norme antidoping perchè potrebbero incoraggiarvi a imbrogliare il sistema e derubare i vostri colleghi al diritto a uno sport pulito. Pubblicando questa lista, la Wada sta aiutando gli atleti a sapere quali individui evitare se non vogliono violare le norme anche loro“. Fra gli squalificati anche il medico spagnolo Luis García del Moral, coinvolto nel caso Armstrong.