Lunedi 5 Dicembre

Alessandro Florenzi cuore di mamma e papà: “è un ragazzo umile ma se si alza di un palmo da terra gli taglio la capoccia”

Papà Luigi e mamma Luciana si coccolano il figlio dopo il gol di ieri sera: “Ale è un cuore di mamma, per me resta lo stesso di sempre”

Un gol da cineteca al Barcellona di Messi, i titoli sui principali giornali sportivi mondiali: quella di ieri e’ stata una serata indimenticabile per Alessandro Florenzi.
LaPresse/XinHua

LaPresse/XinHua

E anche per la sua famiglia, rimasta colpita dalla prodezza del terzino della Roma. “Non ho parole, tutto mi credevo fuorche’ uscisse una cosa del genere…” confessa papa’ Luigi, convinto che il clamore per la rete in Champions League non cambiera’ il figlio: “lui è un ragazzo umile, anche perche’ come si alza di un palmo da terra sono io il primo a tagliarli la capoccia… Il complimento che gli faccio sempre è: somaro“. “Pensate che ieri mi avevano dato per morto – racconta a Sport Mediaset – perche’ al gol mi sono cascati gli occhiali e mi ero chinato per raccoglierli… Tutti invece mi sono venuti attorno dicendo ‘oddio Gigi si sente male’“. A star male e’ stato invece il Barcellona, mentre a casa Florenzi la gioia e’ tanta: “Alessandro e’ un cuore di mamma, e basta. Per me resta lo stesso di sempre – conclude mamma Luciana -. Ieri sera ci ha fatto sognare, e’ stata una cosa meravigliosa. A lui e’ sempre piaciuto giocare a pallone, e’ nel suo dna“. Anche segnare gol splendidi.