Martedi 6 Dicembre

Vuelta, che spettacolo: adesso la classifica è cortissima. Fabio Aru al top, sale al 6° posto

LaPresse/EFE

La classifica della Vuelta di Spagna dopo la nona tappa. Fabio Aru sale al 6° posto e sembra tra i più in forma

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Grande spettacolo nella nona tappa della Vuelta di Spagna con l’arrivo in salita sul breve ma durissimo Cumbre del Sol. Benitatxell vinta dell’olandese Tom Dumoulin che riesce anche a riprendersi la maglia roja strappandola al colombiano Esteban Chaves.

Dumoulin ha beffato al traguardo il britannico Chris Froome che ha tagliato il traguardo al secondo posto con due secondi di ritardo, dopo una rimonta entusiasmante che sembrava coronata con la vittoria di tappa. Terzo con 5” si ritardo lo spagnolo Joaquim “Purito” Rodriguez (Katusha, terzo), quarto l’italiano Fabio Aru con 16” di ritardo, anche oggi al top, con numerosi attacchi e tra i migliori. Al quinto posto è arrivato Rafal Majka della Tinkoff-Saxo con 18” si ritardo da Dumoulin, poi Quintana e Valverde con 20”, Roche con 31”, Pozzovivo con 33”. Molto bene anche l’italiano Diego Rosa, 12° al traguardo con 55” di ritardo da Domoulin.
Anche oggi c’e’ stata una brutta caduta. Coinvolti, fra gli altri, Valverde, Alexis Gougeard, Marcel Aregger, Rinaldo Nocentini, Giovanni Visconti e Amets Txurruka, che hanno chiesto l’intervento del medico, piu’ il belga Thomas Degand (team Iam), costretto ad abbandonare la manifestazione. Domani e’ in programma la decima frazione della corsa spagnola, la Valencia-Castellon, di 146.6 chilometri.

Classifica Generale VueltaAdesso nella classifica generale Dumoulin ha 57” di vantaggio sullo spagnolo Joaquim “Purito” Rodriguez, 59” sull’ex maglia rossa Chaves, 1’07” sull’irlandese Roche, 1’09” su Valverde, 1’13” su Fabio Aru salito al sesto posto, 1’17” su Quintana settimo, 1’18” su Froome, 1’47” su Maika e 1’52” su Pozzovivo decimo in classifica generale. Una classifica cortissima, con appena 55 secondi di distanza tra il secondo e il decimo in classifica, addirittura 40 secondi tra il quarto e il nono. I big (Valverde, Aru, Quintana e Froome) sono tutti in un fazzoletto, in nove secondi, praticamente appaiati. E’ probabile che saranno loro a giocarsi la vittoria finale, le salite lunghe e dure devono ancora iniziare e il sardo Fabio Aru oggi è stato ancora una volta al top, secondo soltanto a Froome tra i big.

Le prime parole di Froome dopo l’arrivo

LaPresse/REUTERS

LaPresse/REUTERS

Pensavo di essere a un passo dalla vittoria di tappa. Ero partito al momento giusto ma questi giovani corridori sono veramente bravi e hanno un grande futuro davanti a loro. Complimenti a Dumoulin: oggi e’ stato il piu’ forte. Devo comunque ringraziare il mio team, in particolare Nicolas Roche: hanno fatto un gran lavoro per me“. Cosi’, subito dopo il traguardo dell’odierna nona frazione della Vuelta a Espana, il britannico Chris Froome (Sky), giunto secondo al traguardo, alle spalle dell’olandese Tom Dumoulin (Giant Alpecin), tornato in maglia rossa.