Sabato 10 Dicembre

Volley, il parere di Andrea Lucchetta sull’addio di coach Berruto

LaPresse/Stefano De Grandis

A distanza di qualche settimana l’ex campione di pallavolo Andrea Lucchetta commenta l’addio del ct della nazionale italiana Mauro Berruto

L’addio del ct Mauro Berruto “dispiace, perché quando un allenatore abbandona a metà del percorso dispiace comunque, perché non è stato salvato prima un gruppo che aveva necessità di un cambiamento forte. Quel cambiamento è stato ritardato e alla fine è stato abdicato da un allenatore torinese in funzione di un Blengini che verrà“, queste le parole dell’ex campione di pallavolo Andrea Lucchetta. L’invito ora è a “restare tutti quanti coesi all’interno di quello che dovrebbe essere uno spunto ancora più forte e determinato per trovare la coesione che è mancata tra spogliatoio e allenatore in funzione della qualificazione alle olimpiadi del 2016, obiettivo dichiarato dal 2012, ora il tempo è poco, un mese e ci andremo a giocare la qualificazione“. Dopo ci saranno altri obiettivi da conquistare, ha detto il campione, ci sono gli europei, il campionato, “però abbiamo un nuovo corso, la decisione è stata questa, iniziamo a giocare la partita con i giocatori e gli allenatori che ci sono”. Manca poco alle qualificazioni ma secondo Lucchetta “la squadra ha tutte le capacità e possibilità per essere in grado di reagire, il tempo è poco ma il telaio era quello conclamato, con il rientro di Osmany Juantorena e Zaytsev come opposto la squadra è a posto, il posto sicuramente lo troveremo