Sabato 3 Dicembre

Tragedia nel mondo del baseball: bimbo di 9 anni muore in campo

Inseguiva il suo sogno, il giovane Kaiser Carlile, ma la vita ha riservato per lui un destino crudele

Ha commosso l’America la vicenda di Kaiser Carlile, un bimbo di nove anni appassionato di baseball: sabato scorso era sul campo a Wichita come ‘assistente’ della sua squadra preferita, i Liberal Bee Jays del Kansas, quando è stato colpito accidentalmente alla testa con la mazza da un battitore che si stava allenando e non l’ha visto arrivare, di corsa. Voleva portargli un’altra mazza di riserva. Kaiser indossava un casco, ma la situazione è apparsa immediatamente gravissima. E’ stato subito soccorso e trasportato in ospedale, dove però è morto il giorno dopo. “Non c’è rabbia per quanto è accaduto“, ha affermato suo padre, Chad Carlile, in una conferenza stampa. “Non voglio dare la colpa a nessuno. E’ stato solo un drammatico incidente, e non si può cambiare“. “Kaiser aveva un vero desiderio di fare le cose per bene”, ha detto in un’intervista al Washington Post il portavoce dei Liberal Bee Jays, Roy Allen. “Voleva far buona impressione sui nostri giocatori” e “si è guadagnato 30 fratelli maggiori, 30 persone della nostra squadra“. “Era uno di noi“, ha affermato il pitcher dei Bee Jays, Kadon Simmons said. “Era la nostra scintilla“.