Martedi 6 Dicembre

Tennis, US Open: Serena Williams la favorita, bella sfida tra gli uomini

ZUMA/LAPRESSE

Serena Williams alla caccia del Grande Slam agli US Open, Djokovic tenterà di riscattarsi dopo le ultime due sconfitte a Cincinnati e Montreal

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Serena Williams punta a vincere per la settima volta, la quarta consecutiva, gli Us Open – al via lunedì prossimo sui campi in cemento di Flushing Meadows (New York) -, e a realizzare quindi il cosiddetto Grand Slam, ossia l’affermazione in tutti e quattro i tornei ‘major’ nella stessa stagione. L’impresa è riuscita per l’ultima volta nel 1988 a Steffi Graf, che la statunitense, vincendo, eguaglierebbe anche come numero di titoli Slam, 22. Si presenta come decisamente favorita, in forma smagliante e con un bilancio di vittorie nel 2015 di 48-2, la regina del tennis mondiale, che compirà 34 anni il 26 settembre. Potrebbero impensierirla la romena Simona Halep, peraltro da lei battuta domenica scorsa in finale a Cincinnati, o la ceca Petra Kvitova.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Una sfida con la russa Maria Sharapova, vincitrice nel 2006 e che lunedì ha ceduto il secondo posto in classifica alla Halep, andrebbe in scena solo in semifinale, essendo entrambe nella stessa metà di tabellone. Come possibili candidate quantomeno alla finale, non vanno dimenticate due ex numero 1, Caroline Wozniacki e Victoria Azarenka, già finaliste sconfitte da Serena.

Nel torneo maschile manca un favorito altrettanto netto. Ottime chance ha sicuramente Novak Djokovic, che però non potrà fregiarsi del Grand Slam, avendo fatto suoi quest’anno ‘solo’ Australian Open e Wimbledon (al Roland Garros gli ha guastato la festa Wawrinka).

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Il serbo, numero 1 del mondo, si è affermato a Flushing Meadows nel 2011, ma vi ha perso quattro finali. Ben cinque volte ha invece vinto Roger Federer, tornato lunedì numero 2 al posto di Andy Murray: 34 anni compiuti l’8 agosto, il fuoriclasse svizzero è in ottima condizione e agguerritissimo. Tra l’altro, ha trionfato domenica, per la settima volta, a Cincinnati, battendo proprio Nole. Il quale una settimana prima aveva ceduto in un’altra finale, a Montreal, allo scozzese, vincitore degli Us Open nel 2012.

Tennis: Davis; Italia in semifinale dopo 16 anniPunta a far bella figura a New York, dove il tennis azzurro non è mai andato oltre le semifinali, la pattuglia italiana, forte di cinque uomini – Andreas Seppi, Fabio Fognini, Simone Bolelli, Paolo Lorenzi e Marco Cecchinato – e sei donne – Sara Errani, Flavia Pennetta, Karin Knapp, Camila Giorgi, Roberta Vinci e Francesca Schiavone (al 61/o Slam consecutivo) -. Da lunedì dunque, nell’Arthur Ashe Stadium, che dal 2016 disporra’ di un tetto retrattile, e sugli altri campi di Flushing Meadows incrociano le racchette i 128 migliori e le 128 migliori del mondo. Si contenderanno un montepremi record di 42,3 milioni di dollari, con 3,3 milioni per il vincitore e altrettanti per la vincitrice del singolare, piu’ di quanto elargito negli altri Slam. Ma non è disprezzabile neanche la cifra per i giocatori che non supereranno il primo turno: 39.500 dollari.