Sabato 10 Dicembre

Tennis, Rafa Nadal: “sono sempre lo stesso Rafa, vincere o perdere fa parte del gioco”

LaPresse/Actionpress

Rafa Nadal sta meglio ed è positivo per gli imminenti US Open, non si dà per vincintore, ma neanche per vinto

Due anni fa arrivava a New York con l’obiettivo di vincere gli Us Open dopo aver trionfato a Montreal e Cincinnati, riprendendosi qualche mese piu’ tardi il primo posto nel ranking. Adesso l’obiettivo e’ essere competitivo. “Il 2013 e’ stato un anno magico – confessa Rafa Nadal, giunto a Manhattan in vista dell’ultimo Slam della stagione – Quest’anno e’ un’altra storia anche se sto meglio rispetto ai mesi scorsi, piu’ vicino a giocare come voglio“. Il maiorchino sa di non potersi considerare uno dei favoriti. “Non so se riusciro’ a vincere gli Us Open oppure no, non lo so. Sto bene, mi sto allenando bene, mi sento piu’ vicino a dove voglio essere. Ma e’ ovvio che, dopo una stagione con piu’ sconfitte del previsto, diventa complicato pensare di vincere un torneo complicato come gli Us Open. Penso giorno per giorno“. L’ex numero uno del mondo assicura di sentirsi piu’ tranquillo, di aver ritrovato fiducia. “Spero di essere competitivo e giocare bene, e’ importante per me chiudere l’anno fra i primi otto al mondo“, aggiunge Nadal, scivolato infatti all’ottavo posto del ranking Atp. “Poi sono sempre lo stesso Rafa, vincere o perdere fa parte del gioco, le vittorie non mi hanno cambiato e non lascero’ che lo facciano le sconfitte, non condizioneranno la mia personalita’, il modo in cui vedo le cose o la vita. Il tennis non e’ altro che un gioco e mi sento fortunato ad avere la carriera che sto avendo“.