Venerdi 2 Dicembre

Tamberi e Fassinotti, missione Pechino

Lapresse / Actionpress

L’atletica italiana vola in alto a Pechino con Tamberi e Fassinotti

Sono le punte di diamante della spedizione azzurra ai Mondiali di atletica di Pechino, per dar lustro a una tradizione e a una scuola che nel salto in alto ha avuto una maestra speciale come Sara Simeoni: loro sono Gianmarco Tamberi e Marco Fassinotti e recentemente hanno riscritto la storia del loro sport, affermando le loro ambizioni in ottica mondiale.

A Eberstadt a inizio agosto Tamberi ha migliorato per due volte il record italiano, portandolo prima a 2m35 e poi a 2m37, fallendo un meraviglioso tris a 2m39. Marco Fassinotti non è stato però di certo a guardare, alzando l’asticella fino a 2m30. Un rapporto non certo di amicizia il loro, in passato si dice siano volate anche parole grosse fra i due, d’altronde sono pur sempre avversari, ma ora le cose sembrano navigare nelle acque del reciproco rispetto.

marco fassinottiSilenzioso Fassinotti, simile a Bolt e desideroso sempre di coinvolgere il pubblico in pista Tamberi, il primo volato in Inghilterra ad allenarsi, il secondo rimasto nelle sue Marche. Modi di intendere la vita e lo sport diversi ma una sana rivalità che non può che giovare all’atletica azzurra.