Martedi 6 Dicembre

Spa, le dichiarazioni dei piloti

LaPresse/Photo4

Duro sfogo del ferrarista Vettel dopo l’incidente alla gomma che gli ha tolto il podio

«Spiegazioni dalla Pirelli? Meglio che non dica nulla. Chi parla di foratura dice cavolate: altro che foratura, è stata un’esplosione! Meritavamo di essere anche più di terzi e non ci siamo riusciti, queste sono le gare. Ma avrei potuto uscire di pista o poteva succedere qualsiasi cosa. Se la gomma fosse scoppiata 200 metri prima, non sarei qui a raccontarlo ma sarei a 300 all’ora contro le barriere all’Eau Rouge, questo è inaccettabile. È successo qualcosa di simile venerdì, è inaccettabile che una gomma esploda così. Per Rosberg si è parlato di un detrito, io non accetto scuse: sono tutte cavolate. Non c’è nessuna spiegazione per quello che è successo, non è stato sicuro”: queste dure parole sono state pronunciate da Sebastian Vettel a Sky subito dopo la conclusione del Gp del Belgio. Sul circuito di Spa le gomme in questo week end di gara e qualifica l’hanno fatta da padrone, partendo dall’incidente di Rosberg arrivando al problema a pochi km dal traguardo che ha impedito a Vettel di finire sul podio dopo una splendida rimonta.

LaPresse

LaPresse

Più diplomatiche le dichiarazioni invece del team principal della Ferrari Arrivabene: «Perdere un podio per una scemenza come una foratura, a due giri dalla fine fa davvero male. Sinceramente non so cos’altro dire. E’ davvero una situazione frustrante, perché Sebastian stava facendo una gara capolavoro e anche Kimi lo ha fatto considerando la sua posizione di partenza, ma che rabbia».

Il vincitore della gara Lewis Hamilton intanto non vuole ancora (giustamente) parlare di Mondiale: “«E’ stata una giornata incredibile con un pubblico fantastico, il team ha fatto un lavoro incredibile per tutto il weekend, mi ha sostenuto al 100% e la macchina è stata fantastica. Nico aveva un buon passo, ma la macchina andava bene e sono riuscito a rispondere. è troppo presto per parlare di titolo mondiale: non vedo l’ora che arrivino le prossime gare».

Di ben altro umore il grande battuto, il tedesco Nico Rosberg: “Ho fatto un pasticcio in partenza, poi ho dato davvero tutto nel resto della gara: la macchina è stata fantastica, e per questo ringrazio il team, ma Lewis era troppo veloce” mentre Romain Grosjean manifesta tutto il suo entusiasmo per aver riportato la Lotus sul podio dopo due anni: “Ancora non riesco a credere che siamo sul podio, il team ha lavorato duro per darmi una buona macchina e sono contento di essere qui oggi. Il mio decimo podio qui oggi ha lo stesso valore di una vittoria”.