Venerdi 2 Dicembre

Si alza il sipario sulla Premier, si comincia con United-Tottenham

Tante sfide in programma nel week end di Premier. Oggi debutta il Chelsea ospitando lo Swansea, domani è il turno del City

Mettetevi comodi sul divano perché oggi è un giorno speciale, oggi inizia il campionato più affascinante del mondo, oggi inizia la Premier League. Come ad un ballo delle debuttanti, oggi i primi a presentarsi nella sala adibita a festa dell’Old Trafford saranno il Manchester United e il Tottenham. Più bella sfida non poteva esserci per il taglio del nastro della nuova Premier League.

LaPresse/REUTERS

LaPresse/REUTERS

Il Manchester United, completamente rinnovato dopo gli arrivi di Memphis Depay, Bastian Schweinsteiger e del nostro Matteo Darmian, e la partenza importante di Di Maria, cerca il riscatto dopo una stagione anonima, e quale miglior avversario del Tottenham di Pochettino per testare fin da subito le proprie qualità? Dalla lotta per il titolo, ovviamente, non si possono escludere i Campioni d’Inghilterra in carica, il Chelsea di Josè Mourinho (ieri la firma sul rinnovo contrattuale fino al 2019) rafforzatosi con l’arrivo di Radamel Falcao. In cerca di rivincite anche il Manchester City di Manuel Pellegrini che può contare su uno Sterling in più per cercare di riportare il titolo ai citizens. Con la vittoria sul Chelsea nel Community Shield, anche l’Arsenal si candida ad un ruolo da protagonista nella prossima stagione. Obiettivo Champions per il Liverpool di Brendan Rodgers dopo un mercato vissuto da protagonista. All’ombra della KOP sono arrivati Milner, Firmino, Ings e Benteke, un poker di acquisti per tornare in auge. Grande bagarre si prospetta per i posti che contano. Everton, Southampton, Newcastle e, soprattutto, il Tottenham daranno del filo da torcere alle big per cercare di diventare la sorpresa dell’anno.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

In fondo, per finire,  si prospetta una lotta all’ultimo punto tra le tre neopromosse (Norwich, Watford e Bournemouth) e quei team che già 12 mesi fa hanno faticato a venir fuori dalle sabbie mobili della zona retrocessione (Leicester, Stoke e Crystal Palace). Non resta che mettersi davanti alla TV e gustarsi lo spettacolo, senza dubbio non resteremo delusi.