Sabato 10 Dicembre

Rugby: Fiji vince la Pacific Nations Cup

LaPresse/Xinhua

Australia, Galles e Inghilterra, avversarie nella Pool A per la RWC 2015, sono avvisate

Nella notte tra lunedì e martedì le Fiji hanno meritatamente vinto la Pacific Nations Cup battendo le Samoa in un match ben giocato, piacevole e con molti capovolgimenti di fronte.
Il risultato finale di 39-29 ottenuto a Burnaby, nei pressi di Vancouver, ha premiato la squadra più spettacolare e prolifica del torneo che ha saputo segnare ben 5 mete a Samoa e resistere a ogni tentativo di rientro dei cugini isolani.
Fiji ha segnato ben 126 punti in 4 match e ne ha subiti 103, il computo delle mete è stato di 15 a 12 risultando il miglior attacco in assoluto ma anche la seconda peggior difesa del torneo dietro solo a Samoa che di punti ne ha subiti 105.
La squadra allenata da John McKee ha giocato il rugby più propositivo e spettacolare della competizione, in pieno stile Super Rugby, dando preferenza alla fase offensiva piuttosto che a quella difensiva. I numeri della competizione parlano chiaro.
Se all’inizio del cammino, prima nel test match perso contro i New Zealand Maori e, poi, nel match pareggiato per 30-30 contro Samoa a inizio PNC, i dubbi maggiori erano circa la condizione fisica, ora questi ultimi sembrano fugati. Sia mentalmente che fisicamente i “flying fijans” sono stati in grado di resistere al ritorno degli avversari ed hanno saputo colpire con delle bellissime azioni a tutto campo anche nei 20 minuti finali del match.
In ottica Rugby World Cup sia Warren Gatland, coach del Galles, che Stuart Lancaster, coach dell’Inghilterra, riconoscono che Fiji potrà essere un gran problema per la qualificazione ai quarti di finale.
La cosiddetta “Pool of Death” dopo Australia, Galles e Inghilterra (l’Uruguay è praticamente tagliato fuori) si è arricchita di un’altra contendente qualificata al passaggio del turno. Ricordiamo che solo le prime 2 andranno ai quarti di finale.
Le scommesse sono già aperte, chi ce la farà secondo voi?

Marco Colautto  –  Rugbymeet