Giovedi 8 Dicembre

Rugby e Politica: Sud America Rugby, una nuova realtà che cambia nome e struttura

Il rugby sudamericano cambia nome e struttura e avrà un sindacato per i giocatori

Il Neo-presidente Carlos Barbieri della nuova Sud America Rugby – che va a sostituire la precedente Confederazione Sudamericana – definisce questo passaggio un cambiamento “semplice” ma necessario.
Condivide lo stesso pensiero anche World Rugby, che la definisce una “modifica dovuta” dal momento che andando ad includere un maggior numero di nazioni e modificando il brand di riferimento tutta la struttura ne potrà beneficiare in futuro, sia dal punto di vista tecnico sia dal punto di vista finanziario.
Un nuovo modo di vedere il rugby sudamericano quindi, con la stesura di un regolamento chiaro e dettagliato e con la creazione di un sindacato per giocatori che possa aiutare il movimento a crescere grazie alla tutela di quest’ultimi.
Fanno già parte dell’accordo – trainate dall’Argentina – le seguenti nazioni: Brasile, Cile, Colombia, Costa Rica, Ecuador, El Salvador, Guatemala, Panamá,  Paraguay, Perú, Uruguay e Venezuela con la futura entrata di Bolivia, Honduras, Nicaragua e Suriname.

Giorgio Pegoraro – Rugbymeet