Giovedi 8 Dicembre

Rossi: “Per il titolo c’è anche Marc”

LaPresse/EFE

Il Dottore coinvolge anche il campione del mondo nella lotta per il Mondiale: “il distacco è cospicuo ma mancano ancora molte gare per considerarlo fuori gioco”. Intanto si corre a Indy e Rossi lancia la sfida: “Sono pronto, non mi farò sorprendere”

Dopo la pausa estiva, tornano le emozioni della MotoGp. Il teatro della nuova sfida tra Rossi, Lorenzo, Marquez e Pedrosa sarà il circuito di Indianapolis, che ospita la decima prova del Mondiale. “Credo che sia positivo aver fatto una breve pausa – sottolinea il Dottore – e ora siamo esattamente a metà campionato. La prima parte è stata molto positiva. Ho cercato di rilassarmi un po’ ed essere pronto per la seconda parte, che sarà molto difficile. Ogni gara sarà importante, con molti piloti veloci.

LaPresse/REUTERS

LaPresse/REUTERS

Questa pista non è una delle mie preferite ma l’anno scorso è stata una bella gara e mi sono divertito molto”. Valentino Rossi, dopo la pausa è pronto a ricominciare a vincere per restare in vetta al Mondiale, e lo vuole fare fin dal prossimo Gp americano. “I primi 10 giri dell’anno scorso sono stati i più emozionanti del mondiale, poi nella seconda metà non ero abbastanza forte, ma ho comunque chiuso sul podio dopo molto tempo e cercherò di continuare così, di migliorare ancora nelle prove e farmi trovare pronto per la gara, ma dovremo stare attenti alle condizioni meteo perché nessuno sa esattamente il livello di aderenza di questo asfalto, spero che ci sarà l’asciutto ma dovremo aspettare”, ha aggiunto il campione della Yamaha. “In passato questa pista si è adattata un po’ meglio alla Honda e a Marc Marquez, ma anche Dani ha vinto qui in passato ed è stato molto forte su questa pista, ma Marc ha vinto nelle ultime due stagioni. Comunque ogni week-end ha la sua storia e cercheremo di fare il massimo”. Secondo il ‘Dottore’ comunque Marquez può tornare in corsa per il titolo.

valentino rossi “Credo di si, perché all’inizio della stagione ha avuto alcuni problemi di feeling con la moto ed ha perso qualche punto, ma da Assen è tornato molto forte quindi, anche se il distacco è ancora cospicuo, siamo ancora a metà campionato, con 9 gare, e la strada è ancora lunga. Dobbiamo restare concentrati. Quest’anno siamo un pochino più forti dell’anno scorso perché la moto è migliorata ma dobbiamo stare attenti”, ha proseguito Rossi, in lotta per la conquista del decimo mondiale in carriera, “Sono molto contento di essere qui a lottare per il titolo perché è dal 2009 che non lo vinco. Ho vissuto momenti difficili senza buoni risultati con la Ducati, ma con la Yamaha sento di essere sempre più forte. Il livello in questa stagione è altissimo ma sono contento e ci proverò fino alla fine. Se arriverà sarà il più importante della carriera? No, perché per me il 2001 è stato l’ultimo campionato con la 500 a due tempi ed è stato un sogno, poi anche quello del 2004, alla prima stagione con la Yamaha, è stato molto bello”, ha confessato Rossi. Il campione di Tavullia in vacanza si è “rilassato nella prima settimana, sono andato in spiaggia ed ho dormito, ma dopo abbiamo ricominciato ad allenarci intensamente, come sempre.

Vale-Qatar-2014-valentino-rossi-36838066-1280-920 Questa pista è molto esigente dal punto di vista fisico e bisogna essere pronti e preparati e poi ci sono due Gp consecutivi”. Ma tutta la stagione sarà complicata. “Questo campionato è difficile perché non ci sono solo due piloti ma tre e anche quattro con Iannone, quindi livello è molto alto. Bisogna cercare di arrivare sempre a punti visto che tutti i top riders hanno grande esperienza e non hanno punti deboli”.