Domenica 11 Dicembre

Rio: velista contrae infezioni a causa delle acque inquinate

EFE/LaPresse

Ancora problemi a Rio, malore per un velista tedesco dopo aver partecipato ad una regata nelle acque che ospiteranno le gare delle Olimpiadi 2016

Il velista tedesco Erik Heil, terzo classificato nelle prove di competizione delle Olimpiadi di Rio de Janeiro, è in cura per diverse infezioni che dice di aver contratto dalle acque inquinate in cui si è svolta la regata. La metropoli brasiliana ospiterà i Giochi estivi del 2016, prima città sudamericana a farlo, ma è alle prese con la questione delle acque contaminate in cui competeranno gli atleti. Ad Heil sono state diagnosticate infezioni da germi multi-resistenti, ha riferito la sua squadra. “Non ho mai avuto infezioni alle gambe nella vita“, ha scritto Heil nel blog del team olimpico, aggiungendo: “Suppongo di essermi infettato durante il test della regata. La causa dovrebbe essere la Marina da Gloria, dove c’è un flusso costante di acque di scarico dagli ospedali cittadini“. Recenti test, commissionati da privati, hanno mostrato un alto livello di virus che causano malattie. “Tenteremo di arrivare relativamente tardi a Rio nel futuro, in modo che eventuali malattie compaiano alla fine della regata o magari dopo, quando saremo tornati a casa“, ha detto. “Stiamo anche valutando di veleggiare in uscita dalla marina con coperture di plastica, per poi indossare solo in acque più aperte le normali scarpe in neoprene“, ha scritto lo sportivo. Quando Rio è stata scelta per ospitare i Giochi ha tentato di ripulire le acque e annunciato che avrebbe ridotto dell’80% la quantità di scarichi illegali nella baia di Guanabara. In seguito ha però ammesso che è improbabile l’obiettivo sarà raggiunto.