Domenica 11 Dicembre

Parte la ‘revolucion’ di Platini: dai “nuovi” Mondiali, al cartellino bianco

LaPresse/Reuters

Michel Platini è pronto a candidarsi alla presidenza della FIFA e rivoluzionare il mondo del pallone. L’ex Pallone d’Oro ha in mente diverse novità: ecco tutte le idee innovative dell’attuale presidente della UEFA

Michel Platini pensa in grande. Dopo la presidenza della UEFA, l’ex giocatore della Juventus si candida alla FIFA, per il post Blatter. Tra le tante idee innovative, Platini avrebbe intenzione di rivoluzionare i Mondiali aumentando le squadre partecipanti.

Se nel 2018 saranno sicuramente 32 come di consueto le rappresentative partecipanti al Mondiale, dal 2022 in avanti Platini ha intenzione di portare tale numero a ben 40 compagini. Insieme a ex calciatori e politici di tutto il mondo, l’attuale numero uno UEFA nel 2016 correrà per la presidenza della FIFA: se sarà eletto potrà mettere in pratica le proprie idee.

LaPresse/Reuters

40 squadre comporterebbe l’inserimento di due gironi in più con l’ingresso di più squadre asiatiche ed europee, ma anche qualche compagine dell’Oceania, praticamente impossibilitata ad arrivare alla competizione finale vista la miriade di playoff e gli spot finali disponibili.

Ma non è finita qui. Se dovesse diventare presidente della FIFA (l’elezione si terrà il 26 febbraio del 2016) Platini avrebbe intenzione di introdurre il cartellino bianco che equivalerebbe ad una espulsione temporanea di dieci minuti, inoltre vorrebbe portare le sostituzioni da 3 a 5 durante le partite ufficiali e il divieto assoluto di trasferimenti all’estero per i calciatori minorenni.

Attualmente Platini può contare sui voti di quattro Confederazioni: l’UEFA, di cui è presidente, il Sud America (Conmebol), il Nord America e i Caraibi (Concacaf) e l’Asia (Afc), ovvero circa 144 voti sui 209 complessivi.