Domenica 4 Dicembre

Montreal, fuori Dimitrov e Berdych, si ritira Wawrinka

LaPresse/Reuters

Fuori tante teste di serie a Montreal: Berdych, Cilic, Dimitrov, Wawrinka, Simon e Monfils

Il secondo turno del Masters 1000 canadese ha visto l’uscita di scena di vari pretendenti al titolo: lasciano il prestigioso torneo nordamericano il bulgaro Dimitrov sempre più in cerca della sua identità sportiva e battuto dallo statunitense Jack Sock in 3 set molto tirati, ma soprattutto il ceco Thomas Berdych, tennista senza Slam e grandi acuti Major ma che aveva fatto della continuità la base della sua classifica. Quest’anno le cose vanno diversamente e a Montreal lo estromette dalla competizione addirittura Donald Young, ex baby promessa made in USA tornato leggermente in auge negli ultimi anni.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Si ritira invece Stan Wawrinka: sotto per 4 a 0 al terzo set contro Nick Kyrgios, lo svizzero vincitore dell’ultimo Roland Garros alza bandiera bianca. Stupisce ancora e in negativo l’attitudine in campo del giovane australiano: maleducazione e offese rivolte allo svizzero che pare non l’abbia presa bene e negli spogliatoi abbia fatto la voce grossa. Poca simpatia nel circuito per Kyrgios e non solo fra i giocatori stessi. Esce di scena anche il campione degli Us Open 2014 Marin Cilic: 2 set rapidi per Bernard Tomic e il croato a intermittenza a casa.

Gli altri favoriti vincono tutti in modo abbastanza agevole: Rafa Nadal supera l’ucraino Stakhovsky (noto più per le sue dichiarazioni omofobe che per i successi sportivi), Kei Nishikori regola Pablo Andujar, Murray completa il suo match interrotto contro Tommy Robredo mentre Isner cancella a suon di ace Pospisil e il Canada tennistico. Piange la Francia con le sconfitte piuttosto inattese di Gilles Simon (contro il quasi ritirato Youzhny) e Gael Monfils (contro il lussemburghese Gilles Muller), con il solo Jo – Wilfried Tsonga che prova a raddrizzare le sorti del tennis transalpino sconfiggendo nella maratona di giornata lo spagnolo Bautista Agut.