Sabato 10 Dicembre

Mondiali Kazan, Alzain Tareq in gara a 10 anni: “non ho paura di niente e di nessuno, spero di migliorare i miei personali” [FOTO]

Alzain Tareq, a 10 anni è tra le nuotatrici più veloci del Bahrein nei 50 metri farfalla e stile libero: s’è già qualificata ai Mondiali ed è la più piccola della storia

Il nuoto non è estraneo ad adolescenti prodigio che accumulano medaglie, ma il caso di Alzain Tareq supera questo assunto: la nuotatrice del Bahrain abbatterà un record, debuttando domani ai Mondiali di nuoto di Kazan, ad appena 10 anni. “E’ abbastanza logico“, ha detto Tareq con molta tranquillità al sito ufficiale della manifestazione. “Io sono la nuotatrice più veloce della squadra del Bahrain. Sono stata la più veloce tra i miei avversari nelle qualificazioni. C’erano nuotatrici adulte? Certo. Ma ho dovuto superare le mie compagne prima di arrivare qui“, ha aggiunto la giovanissima nuotatrice che si cimenterà domani nei 50 metri farfalla e sabato e nei 50 metri stile libero.

Alzain TareqFiglia di una insegnante e di un nuotatore professionista, la sua presenza ha generato un grande dibattito. “Bisogna vedere quanta libertà o quanta pressione da parte dei genitori e dei parenti ha. Penso che una ragazzina di dieci anni è meglio che giochi al parco piuttosto che essere in una Coppa del Mondo“, ha detto l’allenatore della squadra tedesca, Henning Lambertz. La Federazione internazionale di nuoto (Fina), a differenza di altre federazioni sportive, non mette un limite di età. La Federazione europea (Len), consente la partecipazione a nuotatori maggiori di 14 anni nelle sue gare. Domenica scorsa, il dibattito si era già aperto con la partecipazione della birmania Ahnt Khaung Htut, di 12 anni, che ha nuotato nelle eliminatorie dei 100 metri rana. Tuttavia, la ragazza del Bahrain si è mostrata risoluta e allontana le polemiche. “Non ho paura di niente e di nessuno. Anche se non ho mai fatto un mondiale, ho già gareggiato molte volte“, ha detto Tareq che comunque non gareggerà direttamente con le grandi star come la svedese Sarah Sjostrom campionessa del mondo nei 100 farfalla. “La cosa più importante per me è accumulare l’esperienza di gareggiare in eventi di alto livello e vedere le capacità tecniche dei campioni olimpici“, ha detto la ragazza. “E, magari, aggiungere un po’ delle loro abilità al mio repertorio“, ha aggiunto. Nonostante si alleni con doppi turni, cinque giorni alla settimana, Tareq continua ad andare a scuola, ma non ha detto ai suoi compagni che sarebbe andata al mondiale. “Francamente non sanno niente finora. Almeno, io non ho detto nulla prima di venire a Kazan“, ha detto Tareq. “Ma naturalmente ho intenzione di raccontare ogni piccola cosa sul mio viaggio e condividere con loro le mie impressioni quando sarò di nuovo in Bahrain“.