Giovedi 8 Dicembre

Medagliere definitivo Mondiali Nuoto Kazan, quante sorprese: boom Australia, flop Spagna

Ecco il Medagliere definitivo dei Mondiali di Nuoto di Kazan: ottimi risultati per l’Italia, tante curiosità

LaPresse/ Fabio Ferrari

LaPresse/ Fabio Ferrari

La Cina torna a vincere i Mondiali di Nuoto per la seconda volta nella sua storia, dopo l’edizione di Roma nel 1994: interrotto così lo storico dominio degli USA che da 6 edizioni consecutive arrivavano sempre primi nel medagliere. Nella storia dei mondiali di nuoto, gli USA hanno vinto 11 volte: sporadiche le vittorie della Germania Est a Madrid nel 1986, della Cina appunto a Roma nel 1994, dell’Australia a Fukoka in Giappone nel 2001 e adesso nuovamente la Cina a Kazan in Russia nel 2015.

E’ stato un testa a testa durato fino all’ultima giornata: alla fine 35 medaglie per i cinesi, 33 per gli statunitensi con 15 ori per i cinesi, 13 per gli statunitensi. Gli argenti sono stati 10 per la Cina e 14 per gli USA, i bronzi 10 per la Cina e 6 per gli USA.

Lapresse / Fabio Ferrari

Lapresse / Fabio Ferrari

Al terzo posto i padroni di casa della Russia, forse un po’ al di sotto delle aspettative con 17 medaglie complessive di cui 9 d’oro, 4 d’argento e 4 di bronzo. Ottima invece l’Australia che con 18 medaglie complessive (7 ori, 3 argenti e 8 bronzi) torna su livelli al top internazionale. Quinto posto per la Gran Bretagna con 14 medaglie complessive (7 d’oro, una d’argento e 6 di bronzo), poi c’è la Francia con 7 medaglie di cui ben 5 d’oro, una d’argento e una di bronzo. Al settimo posto l’Italia con il suo record di sempre ad un mondiale di nuoto per numero complessivo di medaglie (14, le stesse della Gran Bretagna) di cui 3 ori, 3 argenti e 8 bronzi. Un grande salto rispetto al flop di Barcellona due anni fa, con solo 5 medaglie per l’Italia (un oro, tre argenti e un bronzo) e definitivo 11° posto nel medagliere.
A Fukoka nel 2001 il miglior risultati dell’Italia al 5° posto complessivo con 6 medaglie d’oro, 2 d’argento e 4 di Bronzo.

LaPresse/ Fabio Ferrari

LaPresse/ Fabio Ferrari

Tornando al medagliere definitivo di Kazan, deludono la Germania e il Brasile con 7 medaglie ciascuno (per la Germania 2 ori, un argento e 4 bronzi, per il Brasile 1 oro, 4 argenti e 2 bronzi). Curioso il “record” dell’Olanda che con 8 medaglie ha sfiorato il suo precedente record storico ma è finita al 16° posto nel medagliere: neanche un oro, tutte medaglie d’argento.
Diciassettesimo posto anche per il Canada nonostante le 8 medaglie vinte, ma anche in questo caso senza ori: 4 argenti e 4 bronzi.
Clamoroso il flop della Spagna che a Barcellona due anni fa si era classificata 10^ con 12 medaglie (un oro, 6 argenti e 5 bronzi), adesso è finita addirittura 22^ con una sola medaglia d’argento e due di bronzo.

Il Medagliere definitivo:

Pos. Nazione Oro Argento Bronzo Totale
1 Cina Cina 15 10 10 35
2 Stati Uniti Stati Uniti 13 14 6 33
3 Russia Russia 9 4 4 17
4 Australia Australia 7 3 8 18
5 Gran Bretagna Gran Bretagna 7 1 6 14
6 Francia Francia 5 1 1 7
7 Italia Italia 3 3 8 14
8 Ungheria Ungheria 3 3 4 10
9 Svezia Svezia 3 2 1 6
10 Giappone Giappone 3 1 4 8
11 Sudafrica Sudafrica 2 3 0 5
12 Germania Germania 2 1 4 7
13 Brasile Brasile 1 4 2 7
14 Corea del Nord Corea del Nord 1 0 1 2
15 Serbia Serbia 1 0 0 1
16 Paesi Bassi Paesi Bassi 0 8 0 8
17 Canada Canada 0 4 4 8
18 Danimarca Danimarca 0 2 2 4
19 Ucraina Ucraina 0 2 1 3
20 Messico Messico 0 2 0 2
Nuova Zelanda Nuova Zelanda 0 2 0 2
22 Grecia Grecia 0 1 2 3
Polonia Polonia 0 1 2 3
Spagna Spagna 0 1 2 3
25 Giamaica Giamaica 0 1 1 2
26 Croazia Croazia 0 1 0 1
Lituania Lituania 0 1 0 1
28 Argentina Argentina 0 0 1 1
Bielorussia Bielorussia 0 0 1 1
Malesia Malesia 0 0 1 1
Singapore Singapore 0 0 1 1
Totale 74 75 76 225