Martedi 6 Dicembre

Le indicazioni della prima di Serie A

Francesca Soli/LaPresse

Sorride l’Inter, piange il Milan, si lecca le ferite il Napoli

I match giocati nella giornata di domenica hanno fornito preziose indicazioni e rivelato cosa ancora non va nelle squadre della massima serie nostrana. L’Inter ha vinto all’ultimo secondo con l’Atalanta in casa (1-0) con goal di un gioiello del calciomercato, uno Jovetic di ritorno nella serie A ma che è sembrato ancora decisamente fuori forma. Ha indovinato il tiro della speranza all’ultimo respiro ma per il resto della partita ha galleggiato sulla linea della sufficienza. Tutta la squadra dimostra di essere ancora un cantiere aperto, saranno necessarie ulteriori modifiche all’organico ma soprattutto dovrà trovare Mancini la capacità di far quadrare un cerchio così complicato.

Il Napoli in questa prima giornata cade a Sassuolo (2-1) dopo l’iniziale vantaggio di Hamsik finalmente libero dai fantasmi di Benitez: l’11 di Sarri è apparso nervoso, poco centrato nel match con un avversario che di contro scattava su ogni palla come una saetta. Il nervosismo di Higuain non è il miglior presagio per la stagione: la paura è che si ripeta la stessa solfa degli anni passati, per un Napoli possibilmente grande squadra in pratica traballante. E Sarri è un’incognita nel tenere a freno i meccanismi spigolosi di una grande.

 LaPresse - Jennifer Lorenzini

LaPresse – Jennifer Lorenzini

Il Milan che tanto aveva ben fatto in pre campionato cade a Firenze 2 a 0, sotto i colpi geniali di un Paulo Sousa perfettamente a suo agio sulla panchina viola. Sinisa viene tradito dai suoi di fiducia:Romagnoli ed Ely, addirittura espulso, si portano sulle spalle grandi responsabilità nella sconfitta. Unica nota positiva del match Carlos Bacca: a tratti imprendibile il colombiano potrà fare le sorti felice della Milano rossonera.

Fra le altre la Sampdoria di Zenga respira aria salutare annientando 5 a 2 il malcapitato Carpi (al momento non è da A) e salutando il ritorno di Cassano versione figliol prodigo, il Torino recupera e vince 2-1 a Frosinone, il Chievo aspetta e azzanna 3 a 1 in trasferta un Empoli lontano anni luce dai meccanismi dell’anno scorso mentre il Palermo, come l’Inter, all’ultimo giro di lancette segna e vince per 1 a 0 contro il Genoa con goal del difensore appena arrivato El Kaoutari.

Si preannuncia una stagione lunga e decisamente equilibrata.