Domenica 4 Dicembre

Ivan Basso: “torno a pedalare ma non so se tornerò a correre”

Gian Mattia D'Alberto / Lapresse

38 giorni fa l’asportazione del tumore ad un testicolo, oggi Ivan torna a sognare il ritorno sulla bici

L’incubo e il ritorno a vivere. La paura e il sollievo. La vita di Ivan Basso in questi ultimi mesi è stata come un giro sulle montagne russe, su e giù tra gioia e dolore: “sono felice di tornare in bici, ma ancora non so se tornerò a correre”.

Gian Mattia D'Alberto / Lapresse

Gian Mattia D’Alberto / Lapresse

Queste le sue parole 38 giorni dopo l’asportazione di un tumore a un testicolo: “ho cominciato ad andare in bici a 3 anni, ora ne ho 38 e credo che in 35 anni non sono mai stato un mese senza pedalare. La bicicletta per me è benessere, vita e felicità – continua Basso – quindi l’importante è tornare in bici, non esiste solo l’agonismo”. Gli esami, però, per il ciclista non sono finiti: “a settembre dovrò fare una visita di controllo specifica al San Raffaele di Milano, però sono ottimista per il futuro”. Il peggio è alle spalle, Ivan Basso torna finalmente a vivere.