Mercoledi 7 Dicembre

Glen Jackson fa la storia, primo neozelandese con 100 presenze da arbitro e oltre 100 da giocatore professionista

Glen Jackson è il primo neozelandese con 100 presenze arbitrali e 100 da giocatore

L’arbitro neozelandese Glenn Jackson raggiungerà un traguardo storico quando sabato prossimo arbitrerà il test match Argentina vs Sud Africa a Buenos Aires: sarà il primo neozelandese ad aver arbitrato e giocato oltre 100 partite professionistiche di primo livello.
Jackson, mediano d’apertura di ottima caratura, ha giocato 60 match di Super Rugby per i Chiefs, 51 partite per Bay of Plenty e 49 per Waikato nell’ITM neozelandese e ben 130 presenze con i Saracens in Inghilterra prima di ritirarsi nel 2010 per intraprendere la carriera da arbitro.
Jackson, che ha collezionato anche una presenza con i Maori All Blacks ed è stato l’unico giocatore in grado di segnare nelle 4 maniere possibili (meta, trasformazione, calcio di punizione e drop) nella Ranfurly Shield,  in soli 5 anni è arrivato ad  arbitrare a livello internazionale ed essere selezionato per la Rugby World Cup.
Glenn nell’intervista/articolo rilasciata sul sito Allblacks.com dice che preparare un match da giocatore e uno da arbitro è molto diverso “Da giocatore ti prepari contro un avversario, a come batterlo e a cosa fare per vincere la partita. Da arbitro non sai esattamente cosa aspettarti, devi adattarti a ciò che accade in campo e pensare velocemente a come gestire/risolvere le situazioni”.
In buona sostanza bisogna esser pronti a tutto” ha concluso Jackson che aveva già accarezzato l’idea di arbitrare già in Nuova Zelanda ma ha preso seriamente in considerazione l’idea solo durante l’ultima stagione con i Saracens.
Dovevo decidere se diventare un allenatore, trovare un lavoro o iniziare ad arbitrare” e a 39 anni andrà in RWC ma è anche sorpreso che la sua carriera sia decollata così rapidamente.
L’esperienza fatta sul campo da giocatore lo ha anche aiutato a capire i comportamenti degli atleti e la necessità di lasciar fluire il gioco evitando fischi inutili, il segreto è capire i momenti nei quali puoi e devi usare il fischietto e che, necessariamente non potrai mai far bene al 100%”
Gli highlights della sua carriera da giocatore sono sicuramente stati la vittoria della Ranfurly, quelli da arbitro la finale di ITM Cup dell’anno passato tra Taranaki e Tasman diretta in uno stadio strapieno tra due team che hanno giocato un rugby champagne.
Anche se il meglio dovrà ancora venire!
Well Done and goog luck Glenn!!

 

Marco Colautto  –  Rugbymeet