Sabato 3 Dicembre

Fernando Llorente: signori si nasce non si diventa

LaPresse/Belen Sivori

Dice addio alla Juve un vero signore, Fernando Llorente, esempio di stile, uomo d’altri tempi

Salutiamo un vero signore. Salutiamo un uomo raro, visti i tempi. Salutiamo un campione. Fernando Llorente, 30 anni, se ne va a Siviglia. E noi vogliamo dirgli grazie. Grazie per essere stato, negli anni della sua militanza bianconera, un perfetto esempio di stile. Mai una polemica, mai una parola fuori posto, mai un comportamento sopra le righe. Mai foto notturne in discoteca, mai folli corse guidando supercar fiammanti, mai donne intercambiabili. Al contrario: sempre un sorriso, sempre una parola gentile, sempre una disponibilità generosa. Salutiamo il Signor Llorente, che vestendo la maglia bianconera ha rinnovato i fasti di chi “signore nasce” e non diventa. Salutiamo il Signor Llorente che ha ricordato coi suoi fatti silenziosi la differenza netta fra ricchi e arricchiti, fra essere e apparire, fra il dire e il fare. Con Tevez, Pirlo e Vidal si allontana dalla galassia bianconera un altro pianeta di cui sentiremo la mancanza. Chi prenderà il suo posto? La sostituzione non è davvero facile, nemmeno in questo caso.