Giovedi 8 Dicembre

Cassano e Balotelli: “siamo cambiati”, ci sarà da fidarsi?

Balotelli e Cassano dicono di esser cambiati, ma “il lupo perde il pelo ma non il vizio”, sarà vero?

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio. Così recita un antico proverbio. A credere ai proverbi, molto spesso, ci si azzecca. Probabilmente perché i proverbi nascono da esperienze popolari millenarie, che si tramutano in verità assolute da tramandare oralmente di padre in figlio, onde evitare il replicarsi di errori già commessi. Ecco spiegato il nostro scetticismo riguardante i due più importanti “sono cambiato” del calcio italiano: quelli di Cassano e Balotelli. Antonio Cassano e Mario Balotelli ci tengono a farci sapere che “sono cambiati”. Noi accettiamo di buon grado le loro dichiarazioni. Ma, essendo dotati di buona e lunga memoria, non dimentichiamo le innumerevoli volte in cui, in un passato anche recente, i nostri due eroi hanno già espresso, e poi contraddetto, questa loro volontà di cambiamento. I nostri due “lupacchiotti” hanno ormai illuso troppe volte i tifosi, spergiurando cambiamenti. Peccato però che il vecchio proverbio “del pelo e del vizio” abbia alla fine sempre avuto ragione di loro e delle loro fatue promesse.