Lunedi 5 Dicembre

Carolina Kostner torna a pattinare: per lei guai in vista

LaPresse/Stefano Colarieti

Problemi per Carolina Kostner che, a causa della partecipazione ad uno show di pattinaggio, potrebbe vedere prolungata la sua sospensione

L’Ufficio Procura Antidoping del Coni lo aveva annunciato ieri sera quando è venuto a conoscenza che Carolina Kostner, attualmente squalificata aveva pattinato in uno show a Corvara in Badia in Alto Adige. E questa mattina, puntualmente, ha aperto il fascicolo (atto dovuto) per “valutare le potenziali violazioni delle Norme Sportive Antidoping e dell’art. 10.12 del codice Wada“. E’ quanto si apprende da ambienti del Foro Italico. L’UPA del Coni avvierà una serie di accertamenti e, in caso di effettiva violazione al codice dell’agenzia mondiale antidoping, la pattinatrice altoatesina rischia che il periodo di squalifica iniziato il 16 gennaio scorso con scadenza il 16 maggio 2016 riparta dal giorno dell’accertata infrazione. Non è escluso che possano essere chiamati a testimoniare anche l’Associazione Dilettantistica Sportiva Ghiaccio Spettacolo che, comunque chiamatasi fuori dall’organizzazione dell’evento, è iscritta al Coni. Infatti, alcuni membri dell’associazione sportiva, oltre ad aver pattinato a Corvara assieme alla Kostner, sarebbero anche soci di una società che si occupa di informatica. Nella serata odierna e in quella di Ferragosto, la Kostner è attesa rispettivamente negli spettacoli di Pinzolo ed Asiago. Nei prossimi mesi Carolina dovrebbe comparire davanti al Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna dove chiederà l’annullamento della squalifica inflittale dalla Seconda Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping del Coni. Al Tas di Losanna si sono appellati anche la Procura Antidoping del Coni che la Wada per chiedere, in forma diversa, quanto previsto dalla codice mondiale antidoping cioè nel minimo di due anni e nel massimo di quattro.