Domenica 11 Dicembre

Atletica, la “panterita” Grenot è pronta per il Mondiale cinese

L’italiana, di origine cubane, è pronta a tirare fuori le unghie per conquistare un posto nella finale mondiale dei 400m

“Personalmente ho un ricordo bellissimo di quella trasferta. Pechino 2008 è stato un momento indimenticabile nella mia carriera: la mia prima maglia azzurra e la mia prima Olimpiade dove per due volte ho migliorato il record italiano (50.87 in batteria e 50.83 in semifinale, ndr). La finale, però, è rimasta lì, ad appena venti centesimi da me”.

Libania-Grenot1 Così Libania Grenot, campionessa europea dei 400 metri, si racconta al sito della Fidal a pochi giorni dall’inizio dei Mondiali di atletica leggera in Cina. Il 24 agosto (ore 4:45 in Italia) la velocista delle Fiamme Gialle calcherà di nuovo il manto rosso del Bird’s Nest. Sarà la sua nona volta sul giro di pista nel 2015: il 51.07 di Montecarlo è il suo accredito stagionale. Una Grenot che si presenta a Pechino determinata pià che mai: “Chi è la Libania di Pechino 2015? E’ sempre la panterita. L’animo da guerriera che un anno fa mi ha portato all’oro di Zurigo non si è affievolito nemmeno per un attimo”. Per l’atleta di origini cubane è questo il quinto Mondiale in carriera, il quarto con i colori della Nazionale italiana. L’esperienza c’è e gli obiettivi sono definiti. “Sono convinta del percorso e del lavoro che ho fatto in questa stagione con il mio tecnico Loren Seagrave per arrivare qui. Questo è l’appuntamento dell’anno – ha detto – è qui che bisognare tirare fuori le unghie e fare i fatti. Ed io sono pronta a graffiare per conquistarmi un posto nella finale mondiale. In passato ci sono arrivata molto vicina (semifinalista a Berlino 2009 e a Mosca 2013, dove con 50.47 è risultata la prima delle escluse a soli 17 centesimi dal suo primato italiano, ndr), ma è un traguardo che ancora mi manca e che dentro di me desidero fortemente.

grenot01g Così come far bene anche insieme alle ragazze della 4×400″. Intanto prosegue il periodo di ambientamento a Dalian. “Gli allenamenti di rifinitura stanno dando segnali incoraggianti. Sono concentratissima sulla gara e sugli ultimi preparativi. Fino al momento di andare sui blocchi di partenza non bisogna trascurare nulla”, ha concluso Grenot.