Martedi 6 Dicembre

Ancora doping

la presse

Nuovo scenario surreale nella lotta al doping: la Iaaf preferì non vedere il problema

Questo ennesimo capitolo doping riguardante l’atletica sembra non avere fine. Così giorno dopo giorno vengono svelati altarini che mettono in seria crisi la credibilità di uno sport che negli ultimi 15 anni è stato veramente bersagliato dagli scandali, senza scomodare precedenti illustri alla Ben Johnson che sconfiggevano figli del vento qua e là 30 anni orsono.

Emerge adesso qualcosa che getta ancora più fango sul movimento tutto, perché proveniente da chi gli scandali dovrebbe combatterli invece di metterli sotto il tappeto: il Sunday Times ha infatti mosso nuove pesanti accuse alla Iaaf, la federazione atletica internazionale, sostenendo che i suoi dirigenti all’epoca del mondiale di Daegu nel 2011, impedirono la pubblicazione di uno studio scientifico che dimostrava come un terzo degli atleti di spicco di quell’edizione dei mondiali ammettesse candidamente di aver fatto uso di sostanze proibite.

iaaf40countriesUna ricerca condotta dall’Università di Tubinga che ricevette poi pesanti pressioni, parrebbe proprio dalla Iaaf, affinché mettesse tutto a tacere.

Con che spirito avvicinarci ai prossimi mondiali di Pechino in partenza nei prossimi giorni?