Giovedi 8 Dicembre

A Pechino volano la Ibarguen e la Fraser – Pryce, delude Lavillenie

LaPresse/Xinhua

Continua il tabù del francese Lavillenie, ancora senza ori mondiali

Sorpresa di quelle importanti nella finale di salto con l’asta maschile: il pluricampione e favorito assoluto per l’oro, ma mai campione del mondo, Renaud Lavillenie sbaglia una misura di ordinaria amministrazione (per lui) andando in completa confusione, dovendosi accontentare della medaglia di bronzo, comodo a bordo pista per assistere al trionfo degli altri. Maledizione mondiale per il campione olimpico di Londra, successo e plauso per il giovane canadese Barber, 21 anni e già campione mondiale, oro a 5.90, stessa misura del tedesco Holzdeppe ma con meno tentativi. Medaglia di bronzo per 3: Lavillenie appunto insieme ai polacchi Lisek e Wojciechowski, tutti a 5.80 ma con sensazioni differenti.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Nel salto triplo femminile, la favorita della vigilia invece non ha deluso le aspettative: la colombiana Ibarguen, sempre più stella dell’atletica mondiale, medaglia d’argento olimpica in carica ma defending champion del titolo mondiale di Mosca 2013, respinge con un balzo a 14m90 gli attacchi dell’israeliana Minenko (seconda a 14.78) e della kazaka Rypakova (terza a 14.77) e si conferma campionessa iridata.

La finale dei 10000m femminili ha espresso al meglio il solito duello fra atlete africane per l’assegnazione delle medaglie: ha vinto il Kenya di Cheruyot (tempo di 31:41.31), con argento per l’Etiopia di Burka, mentre per il bronzo la statunitense Infeld ha infilato l’avversaria proprio sul traguardo.

I 3000 siepi maschili, come previsto, sono stati preda dei keniani: a vincere una tripletta composta da Ezekiel Kemboi (oramai leggenda con 4 Mondiali e 2 Olimpiadi), con argento e bronzo rispettivamente per Conseslus Kipruto e Brimin Kiprop Kipruto.

A chiudere la giornata, la gara più attesa: nei 100m femminili la giamaicana Fraser – Pryce ha vinto con 10.76, davanti all’olandese Dafne Schippers (record nazionale) e alla statunitense Bowie, seconda e terza con 10.81 e 10.86.