Sabato 10 Dicembre

A Leverkusen la Lazio sente profumo d’Europa

LaPresse/ Marco Rosi

Pioli sicuro dei suoi ragazzi: “siamo venuti in Germania per vincere, difendere l’1-0 potrebbe essere fatale”

Si sente già il rumore della Bay Arena, là fuori i tedeschi aspettano la Lazio per fargli la festa, aspettano gli uomini di Pioli per ribaltare il risultato dell’andata e conquistare un posto tra le elette, un posto nei gironi della nuova Champions League: “l’ 1-0 dell’andata è solo il primo tempo, siamo consapevoli che non è stato conquistato nulla.

Marco Rosi/LaPresse

Marco Rosi/LaPresse

Come nella partita di andata dovremo essere molto attenti, giocando come sappiamo, cercando di attaccare e ribattere pallone su pallone sapendo che sarà una partita combattuta. Dobbiamo giocare per vincere”. Ripartire con umiltà senza pensare al risultato di una settimana fa all’Olimpico. E’ questa la filosofia che il tecnico della Lazio, Stefano Pioli, vuol vedere in campo a Leverkusen. “Cercheremo di giocare la nostra partita, cercando di attaccare tutte le volte che ne avremo la possibilità tenendo gli avversari lontani dalla nostra area, anche perché hanno talento sulle palle inattive -spiega l’allenatore emiliano in conferenza stampa-.

LaPresse/ Marco Rosi

LaPresse/ Marco Rosi

Dobbiamo essere propositivi per metterli in difficoltà, abbiamo giocatori veloci e bravi nell’uno contro uno. È un anno che lavoriamo per questo obiettivo tra mille sacrifici, ci abbiamo sempre creduto e in Germania ci dovremo credere per 95 minuti e su ogni pallone che andremo a giocare”. “Se siamo arrivati qui è perché abbiamo fatto prestazioni importanti e la squadra è cresciuta in un certo modo. Vogliamo passare, le sensazioni sono ottime, quando saremo in campo per la rifinitura ci sarà grande determinazione e volontà. Servirà la miglior Lazio possibile perché avremo di fronte un avversario forte; in Champions bisogna sempre mettere in campo una prestazione di alto livello”.

Alfredo Falcone/Lapresse

Alfredo Falcone/Lapresse

 “Dovremo aspettarci che gli avversari spingano da subito, sappiamo che hanno un potenziale offensivo importante, ma lo abbiamo anche noi -prosegue Pioli-. E dobbiamo farlo dall’inizio alla fine, il risultato dell’andata ci dà un vantaggio troppo piccolo. Il Bayer è una buona squadra che gioca un calcio molto intenso e diretto come ha dimostrato anche a Roma”. La Lazio, priva di giocatori di esperienza come Klose e Biglia, dovrà fare di necessità virtù: “abbiamo perso giocatori importanti, dal punto di vista dell’esperienza perdiamo qualcosa me ne guadagnamo in velocità e freschezza. All’andata la Lazio ha fatto più duelli e ha vinto più contrasti rispetto all’avversario. Chi catturerà più seconde palle avrà buone possibilità di vincere. Abbiamo in testa chiaramente che tipo di partita sarà”, prosegue l’allenatore biancoazzurro. Sull’ipotesi di un cambio di modulo con una difesa a 3 da schierare contro il Bayer, Pioli conclude: “ho giocatori molto duttili, schiererò una formazione che può adottare vari schemi, quello che conta è l’interpretazione della gara e le motivazioni, dobbiamo attaccare da squadra e difendere da squadra al di là di quelle che saranno le posizioni in campo”. La Lazio è pronta, l’Italia fa il tifo per Keita e compagni, due squadre ai gironi sarebbe un pò pochino per rilanciare il football tricolore in Europa.