Lunedi 5 Dicembre

Tania Cagnotto racconta la sua medaglia d’oro: “il momento più bello della mia vita”

LaPresse

Un momento speciale quello appena vissuto dalla tuffatrice italiana Tania Cagnotto, una medaglia d’oro ai Mondiali 2015 di tuffi di Kazan

“Finalmente un sogno realizzato, era un mio sogno vincere il Mondiale ed aggiudicarmi una medaglia olimpica. Il primo obiettivo è soddisfatto...”, così Tania Cagnotto subito dopo la medaglia d’oro ottenuta ai Mondiali di tuffi di Kazan. “Una bella soddisfazione aver fatto piangere mio padre”. Poi raccontando le sensazioni pre gara ha ammesso: “avevo una strana sensazione alle eliminatorie, non vedevo l’ora di finire, ero demoralizzata. Pensavo che Shi Tingmao avrebbe  fatto meglio di me“. Tutti  presentimenti sbagliati per la tuffatrice campionessa del mondo in carica. “E’ l’ultimo tuffo mondiale da un metro, è stato uno dei momenti più belli della mia vita”, ha poi risposto Tania Cagnotto al giornalista di RaiSport che gli chiedeva se fosse il suo ultimo Mondiale. Poi scattano i ringraziamenti “al papà Giorgio, all’allenatore, alla mamma, agli amici, al fidanzato“. Proprio il padre della 30enne ammette orgoglioso: “ci mancava! C’erano i presupposti, la gara ha preso un bel andamento e Tania stava bene ed aveva il piglio giusto. Ha affrontato la gara con la determinazione giusta“.