Mercoledi 7 Dicembre

Rugby, i Dogi: dopo 20 anni di inattività si apre un nuovo capitolo

I Dogi, dopo 20 anni di inattività tornano sul campo, per regalare le forti emozioni di un tempo

Il 17 settembre 1973 nasceva a Treviso la franchigia Triveneta de “I Dogi”, squadra formata dall’elite dei giocatori provenienti dai club del Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige. “I Dogi” per 20 anni hanno disputato match di altissimo livello contro selezioni internazionali come All Kiwis e Africans Leopard oltre a club europei blasonati come i britannici Harlequins e Wasps o contro i transalpini del Tolone collezionando ben 15 vittorie su un totale di 22 partite.
Dopo aver visto indossare la maglia rosso dorata a nomi illustri del rugby italiano del calibro di Ivan Francescato, nel 1993 si arriva allo scioglimento della franchigia. Oggi dopo oltre 20 anni di inattività grazie al duro lavoro del comitato Veneto e del suo presidente Marzio Innocenti e dall’impegno dei club veneti, si è aperto un nuovo e si spera lungo capitolo della saga Dogi.
Il direttivo dell’UNIONE I DOGI è composto da otto membri:
• Benetton Treviso
• Club Veneti di Eccellenza (Petrarca Padova, Rugby Rovigo Delta, Mogliano Rugby)
• Associazione Club Veneti di Serie A
• Associazione Club Veneti di Serie B
• Associazione Club Veneti Rugby Femminile, Serie C, Juniores e Propaganda
• Proprietà marchio “I Dogi”

La carica di Presidente è stata affidata all’unanimità a Roberto Facchin ex presidente del Rugby Mogliano che ha dichiarato: “Sostegno è la nostra parola d’ordine, la stessa che sentiamo nei campi da gioco da tutta la vita. Se il rugby veneto saprà davvero applicare questo fondamentale sono sicuro potremo fare grandi cose, perché il rugby ha bisogno di tornare ad inseguire i sogni, e questo dei Dogi è un sogno. L’obiettivo è quello di creare un fronte comune, vangando la terra a mani nude per tornare a rendere fertile il terreno da cui far crescere un rugby veneto sempre più forte“.

L’obiettivo primario della franchigia sarà la crescita del movimento, in una condivisione dei problemi e nella ricerca delle soluzioni, basato in questa prima fase solamente al settore giovanile ma nel prossimo futuro anche ad una squadra seniores. Grandi assenti all’atto costitutivo del progetto la squadra veneta di San Donà che ha preferito, per il momento, rimanere esclusa dalla franchigia. Successivamente si sono aggiunti i club di Udine e Pordenone come rappresentanza del Triveneto. A sigillare la nuova costituzione della franchigia, nella serata del 20 aprile 2015 tutti i membri del consiglio hanno firmato il manifesto della serata con impresso il logo dei Dogi e un visibilmente commosso Marzio Innocenti ha dichiarato :“tra 50 anni sarà ancora lì a testimoniare l’importanza di questa serata”. Non ci resta, quindi, che augurare lunga vita ai Dogi e vederli calcare presto i campi del PRO12 per riassaporare le emozioni di un tempo.

Mirko Clemente – Rugbymeet