Martedi 6 Dicembre

Regine dello sport italiano: Tania Cagnotto, tra perfezione e bellezza

La perfezione dei tuffi e la bellezza di una delle regine dello sport italiano, Tania Cagnotto

Il trampolino, sospeso nel vuoto, è la sua passerella. E lei sfila, sicura, decisa, bellissima. Le belle gambe, dolcemente toniche. Gli occhi vivi, felini, scattanti. Il corpo messo in risalto dal costume di gara. Pronta per spiccare il volo. Splendida, nervosamente si libra nell’aria a disegnare piroette e figure impossibili per il resto del genere umano. Ancor più bella, si rilassa mentre la forza di gravità la vince sul suo corpo, iniziando la fulminea discesa che la porterà al contatto con l’acqua. Immersione. Scatti veloci da nuotatrice la portano a bordo vasca. Poi, l’attesa emersione. Una mano sistema i capelli. La testa reclinata dolcemente all’indietro. Uno sguardo agli allenatori. Poi si issa sulle braccia ed esce dall’acqua. Moderna Primavera disegnata dai tuffi anziché dal Botticelli. E fotografata, a futura memoria, sulle pagine di un indimenticabile numero di Playboy.