Venerdi 9 Dicembre

Nibali, cambio di rotta? Lo scatto alla dodicesima tappa che fa ben sperare i tifosi

LaPresse/Reuters

Nella tappa di ieri Vincenzo Nibali al Tour de France non ha mostrato il solito atteggiamento rinunciatario che lo ha contraddistinto fino ad ora a la Grande Boucle, Sarà la svolta?

Non sappiamo bene di cosa si tratti, ma qualcosa di sicuro c’è. Non abbiamo idea di cosa sia successo, ma qualcosa di sicuro è successo. Non possiamo dire cosa ci sia dietro, ma qualcosa di sicuro c’è. Perché Nibali a questo Tour viaggia a corrente alternata. Vincenzo Nibali, Lo Squalo dello Stretto, il ciclista siciliano dal carattere fortissimo e invincibile, quest’anno, al Tour de France, sembra un uomo “ingolfato”. Nelle prime tappe del Tour 2015, Vincenzo non ha mai gareggiato. Anzi, non ha mai nemmeno provato a gareggiare, a lottare, a competere. Il primo Nibali del Tour 2015 sembra avere rinunciato alla vittoria del già dalla prima tappa. A guardarlo, Vincenzo, nelle prime tappe, non sembra neanche lui: si stacca, appena qualcuno scatta. Basta un annuncio di fuga e Lo Squalo si defila. Si sposta di lato e mette la ridotta. Ma non è da Nibali questo comportamento! No. Così, finalmente, ieri, per fortuna sua, nostra e di tutti quelli che amano il ciclismo, Vincenzo ha reagito, con carattere: ha proposto lui uno scatto, si è mantenuto nel gruppetto dei più forti, con Froome, Quintana, Valverde. Non si è staccato. Non si è lasciato staccare. Questione di testa, probabilmente. Questione di cuore. Che possa essere “La Svolta dello Squalo?”.