Domenica 4 Dicembre

Il talento di Matthieu Rosset: tuffi e tatuaggi che fanno la differenza [FOTO]

Foto Fabio Ferrari - LaPresse 30/07/2015 Kazan ( Russia ) Sport 16 Campionati del mondo FINA 2015 - 3m Trampolino Uomini. nella foto: Photo Fabio Ferrari - LaPresse 30 July 2015 Kazan ( Russian ) Sport 16 Campionati del mondo FINA 2015 - Men's 3m Springboard. in the picture:

Un tuffatore che fa la differenza Matthieu Rosset e i suoi tatuaggi (che fanno la differenza) ai Mondiali di Kazan 2015

Se stessimo parlando di un calciatore non ci sarebbe niente di cui stupirsi. Lui però non corre dietro un pallone bensì si tuffa. Matthieu Rosset è francese, è un talento della sua Nazionale di tuffi ed ama i tatuaggi. Un fisico scolpito, muscoli in evidenza come su una delle migliori statue di Michelangelo ed un “agglomerato” di più tatuaggi su quel suo fianco sinistro. Cerchi olimpici, il profilo di un tuffatore al contatto con l’acqua e sulla spalla destra anche un tribale. Un ragazzo che si distingue dai colleghi, un tuffatore che esprime le sua passione oltre che con degli ottimi risultati anche con i disegni che porta sulla pelle. Un piercing sul sopracciglio sinistro, poi incornicia un volto dal profilo tipicamente francese: naso dritto, occhi scuri ed intesi messi in risalto da quell’orecchino che sa anche un po’ di ribellione.

Nei tuffi c’è precisione, disciplina e perfezione. Nel calcio, nel basket e nella pallavolo non è così. In essi un gesto agonistico è un gesto tuo personale da arricchire con le tue proprie caratteristiche tecniche e soggettive. Così che una schiacciata di Kobe Bryant sarà solo la sua, il “missile” di Cristiano Ronaldo sarà una sua chicca. Nei tuffi non è così, nei tuffi il parametro tecnico deve essere rispettato. Le punte devono essere ben stese (per tutti), la carpiatura deve essere a tenaglia (per tutti), l’entrata a pelo d’acqua (per tutti). Non c’è via d’uscita, c’è un modello da seguire in tutto e per tutto. Eppure Matthieu questa “via d’uscita” l’ha trovata. Lui con i suoi tatuaggi e quello stile un po’ naif fa la differenza in quello scenario in cui altrimenti rappresenterebbe l’ennesimo anonimo tuffatore.

Il sesto posto di ieri ai Mondiali di tuffi e i due ori Europei ottenuti nel corso della sua carriera poi non mettono di certo in dubbio (nonostante i suoi tatuaggi) il suo indiscutibile talento.