Domenica 4 Dicembre

F1, Gp d’Ungheria: piloti pronti per tornare in pista ricordando Jules Bianchi

© Photo4 / LaPresse 29/7/2012 Budapest Sport Hungarian Grand Prix, Hungaroring 26-29 July 2012 In the pic: Fernando Alonso (ESP), Scuderia Ferrari, F2012

I piloti di F1 devono risollevarsi dal dolore della perdita del collega Jules Bianchi per pensare al Gp d’Ungheria di domenica, durante il quale porteranno con sè, nel cuore, il giovane francese

A pochi giorni dalla morte di Jules Bianchi la Formula 1 torna in pista in Ungheria dopo una pausa forzata di due settimane dovuta alla cancellazione dal calendario per motivi finanziari del Gran Premio di Germania. Un ritorno alle competizioni, in nome dello spettacolo che spesso non c’è ma per tanti motivi deve continuare, che stride con le lacrime dei piloti, degli amici e dei compagni di squadra nel momento dell’ultimo saluto al talento francese nato nel vivaio della Ferrari. Promessa del Circus che sarà ricordata con un minuto di silenzio quindici minuti prima del via del Gran Premio sul circuito dell’Hungaroring vicino a Budapest. Una gara che riproporrà i temi caldi del Circus, la sfida per il titolo tra i due piloti della Mercedes e la rincorsa a fare sempre meglio della Ferrari, tornata sul podio a Silverstone con Sebastian Vettel: “Questo tracciato presenta molti cambiamenti di pendenza – racconta Sebastian Vettel – ed è molto importante tenere la corretta traiettoria”. Appuntamento importante anche per Kimi Raikkonen che dovrà fare di tutto per rialzare le sue quotazioni dopo le prove opache nel gli ultimi tempi che hanno fatto schizzare alle stelle le ‘azioni’ dell’altro finlandese, ora alla Williams, Valtteri Bottas, “L’Ungheria mi piace – ha ammesso Raikkonen in un video messo online dal sito della Ferrari – è vero che molti dicono che questa sia una gara noiosa, ma come abbiamo visto negli ultimi anni non è proprio così, a me piace. Il caldo? Un problema, ma credo sia più uno stress per le gomme che per noi“.