Martedi 6 Dicembre

“Dangerous Tour de France”: una curva, Geraint Thomas e un destino benevolo [VIDEO]

LaPresse

Ieri durante la 16^ tappa del Tour de France 2015 Geraint Thomas ha rischiato una brutta caduta a causa di un destino beffardo, ma benevolo

C’è una curva. E in questa curva ti aspetta il fato. Il destino ha scelto questo punto del percorso per venirti incontro. Tu ancora non lo sai. Stai seguendo la tua traiettoria per uscire dalla curva. Arriva un tuo collega ciclista che sbaglia il tempo della frenata. E ti viene addosso. Trascinando te e la tua bici verso l’esterno della curva. Verso il pericolosissimo esterno della curva. Oltre la strada e quei pochi tifosi, il vuoto. Il buio. Tu cerchi di riprendere la tua traiettoria ma non ci riesci. E la bici, veloce, prosegue verso il baratro. Capisci che non puoi più fare niente. Ti aggrappi ai freni, forse. Forse non riesci nemmeno. E prendi il volo. Proprio quello che non vorresti accadesse mai quando sei in bici, in discesa, in curva, in montagna. E mentre sei in volo, ecco il destino. In forma di palo. Esattamente davanti a te. Dritto, davanti a te. Che stai volando. La tua testa e il palo sono in rotta di collisione. Ma non puoi più comandare il tuo corpo, non ci riesci. Sei in volo. Testa. Palo. Impatto. Crash. Per fortuna non è stato fatale. Il destino, oggi, in curva, ha deciso di sorridere, dopo essersi presentato sotto forma di palo, a Geraint Thomas. Tutto il Tour, dopo avere sospeso il respiro, è felice di questo sorriso. Lo spavento è passato. Ma quanta paura!