Sabato 10 Dicembre

Canottaggio, Mondiali under 23: l’Italia prima nel medagliere

Gli under 23 del canottaggio italiano che hanno partecipano ai mondiali, portano a casa 6 medaglie

L’Italremo chiude il mondiale Under 23 con sei medaglie attestandosi nel medagliere per nazioni al primo posto davanti a Germania e Stati Uniti. Dei sei sigilli, quattro medaglie sono d’oro, una d’argento e una di bronzo. Alle tre d’oro vinte due giorni fa, si è aggiunto ieri l’oro del quattro senza pesi leggeri, di Davide Gerosa (SC Lario), Leone Maria Barbaro (Tirrenia Todaro), Piero Sfiligoi (CC Saturnia) e Paolo Di Girolamo (Forestale) che, dopo l’altalenante parte iniziale, al passaggio di metà gara ha imposto il ritmo alla Germania e alla Gran Bretagna e, sul finale, ha prodotto un rush che ha distaccato ulteriormente la barca tedesca che ha dovuto contentarsi del secondo posto davanti alla Gran Bretagna terza. L’argento e’ arrivato, invece, dal singolo pielle di Francesco Pegoraro (SC Esperia) che sul finale, dopo una prima parte incerta, si e’ inserito nella bagarre agguantando la seconda posizione alle spalle della Francia che ha vinto l’oro. Il bronzo, infine, e’ stato appannaggio del doppio pesi leggeri di Antonio Vicino (CRV Italia) e di Lorenzo Galano (SC Esperia). Una barca che ha risolto la situazione medaglie gia’ a mille metri quando cambiando ritmo si e’ piazzata dietro a Germania e Olanda. Negli ultimi 500 la barca azzurra ha rinforzato ancora ed e’ andata sul podio dopo aver contenuto il ritorno della Nuova Zelanda. Le altre due barche finaliste si piazzano al quarto posto, il doppio pesi leggeri femminile di Federica Cesarini (C Gavirate) e Bianca Laura Pelloni (GS Speranza Pra’) protagonista di un finale in rimonta che pero’ non basta ad ottenere il podio; mentre finisce sesto il quattro di coppia under 23 di Tiziano Evangelisti (CC Civitavecchia), Alessandro Laino (Fiamme Gialle), Jacopo Mancini (SC Firenze), Stefano Ciccarelli (Cus Pavia) al termine di una gara che li ha visti sempre troppo lontani da Canada, Australia e Nuova Zelanda che, rispettivamente, si sono aggiudicati i tre gradini del podio